La concentrazione è una Poesia

concentrazione-blogger-poesia

Quanti post avete scritto mentre cambiavate un pannolino, raccoglievate un moccolo, allacciavate una scarpa, parlavate al telefono, preparavate la cena?
Tra un pianto e l’altro, un capriccio, un litigio, un telegiornale, un cartone animato, un citofono che suona, una lavatrice che inizia il ciclo della centrifuga, l’odore della cena che si sbruciacchia sul fuoco…

Continua a leggereLa concentrazione è una Poesia

Il Blogger e le vacanze di Natale

aggiornare-blog-vacanza

Tre condizioni determinano alti e pericolosi livelli di stress pre natalizio: bambini + vacanze di Natale + blog.

Se durante l’anno scolastico si trova il tempo di aggiornare il proprio blog quasi con regolarità, durante le temute vacanze natalizie si determina una fase di stallo. Impossibile rubare ore di sonno: le feste ci stremano. Impossibile sottrarsi ai parenti: dovremmo pagarne le conseguenze fino al prossimo anno.

Continua a leggereIl Blogger e le vacanze di Natale

La giornata tipo di un blogger

orario di lavoro blogger professione

Organizzazione, timing serratissimo e divisione dei giorni in progetti: questa è la mia giornata lavorativa come blogger, e anche come piccola ‘imprenditrice’ (?), visto che noialtri, oltre a essere blogger, facciamo anche sviluppo web.

Ma come si svolge la giornata tipica della blogger professionista? Come si svolgeva la mia giornata quando ero solo una blogger?

Innanzi tutto, una premessa: il blogger professionista lavora più ore di un dipendente. La mia media di ore lavorate era di circa 70 ore settimanali, festivi compresi. Tutte ore che vengono tolte al riposo: se intraprenderete questa professione, forse vi abituerete a dormire al massimo 5-6 ore per notte.

Continua a leggereLa giornata tipo di un blogger

Come farsi venire le idee

Questo post vincera il premio per “il titolo più pretenzioso dell’anno” 🙂

Però posso dire che parlo con cognizione di causa: io e Barbara siamo due grafomani, il ticchettio della tastiera ci accompagna da quando stiamo insieme e ci accompagnava anche prima, e prima ancora era la penna che scorreva sul foglio. E anche se ora non sappiamo più scrivere a mano, abbiamo migliaia di pagine scritte a partire dalla nostra adolescenza, e migliaia di file sui nostri pc.

Certo scrivere per se stessi può essere diverso dallo scrivere per altri, e scrivere romanzi o racconti o poesie può essere diverso dallo scrivere articoli tecnici o post su lavoretti o trucchi per programmatori. Ma alla base di tutto c’è sempre un ingrediente fondamentale: le idee.

Bisogna essere dei vulcani per generarle continuamente, ma bisogna anche saper tenere accese le piccole scintille per farle diventare brace e poi fuoco: le idee nascono continuamente nella mente di ognuno, solo che qualcuno le sa riconoscere e conservare, altri se le fanno sfuggire e credono di non averne.

Quindi in realtà non insegnerò a farsi venire le idee, perchè non è possibile, ma posso spiegare come fare a riconoscere, conservare e far crescere le idee sino a farle diventare qualcosa di interessante, utile e comunicabile, ovvero nel nostro caso un post.

Continua a leggereCome farsi venire le idee

Evoluzione di un blog

Domanda che mi è stata spesso rivolta, essendo io anche mamma, e avendo anche un’attività da portare avanti: come organizzi la tua giornata? Come si svolge la giornata di una persona che lavora sul web, e più precisamente come blogger?

Facciamo il punto, ma partiamo dalle origini. In questi 4 anni non ho avuto un’unica organizzazione. Ho dovuto modificare la mia routine lavorativa in base alle esigenze della mia famiglia, e in particolar modo di mia figlia; la scelta di lavorare da casa, infatti, è partita dal mio desiderio di potermi dedicare a lei almeno nei suoi primi 2 anni di vita.

Quando ero incinta, ed ero costretta a letto, ho tendenzialmente studiato, frequentato forum di maternità e posto le basi per iniziare la mia attività: in particolare, oggi, alla luce di quanto avvenuto, posso dire di aver lavorato sul mio ‘personal brand’, anche se allora non ne avevo idea. Ho infatti aperto Mammafelice come conseguenza di una Rete di amicizie virtuali che erano già consolidate, e che mi hanno dunque seguita volentieri in questa impresa, che ancora non potevo sapere dove mi avrebbe portata.

Continua a leggereEvoluzione di un blog

Blog therapy

Ho pensato per un po’ al titolo da dare a questo post: “oltre la monetizzazione”, “a che cosa può servire un blog”, “utilità di un blog”, alla fine mi è venuto questo: blog therapy – terapia del blog. Perchè il fatto di creare, organizzare e gestire il blog è una vera e propria terapia che porta dei benefici indipendentemente dal fatto che si riesca a farne un lavoro.

Consiglio sempre a tutti di creare e mantenere un blog: aiuta a conoscere se stessi, a misurare le proprie capacità, a rimettersi in gioco, a relazionarsi con gli altri, a coltivare delle passioni, a pianificare, a migliorarsi: è una vera e propria scuola di vita.

A furia di parlare di monetizzazione, di blog professionali, di conteggio delle visite, ho paura di far desistere qualcuno: non desistete! Nuotare è bello anche se non siamo la Pellegrini, strimpellare la chitarra è divertente anche se non siamo Eric Clapton, cucinare è divertente anche se non siamo Gualtiero Marchesi, e gestire un blog è divertente e utile anche se non siamo Martha Stewart o Steve Pavlina.

Descriverò in breve perchè secondo me è bello e utile avere e gestire un blog.

Continua a leggereBlog therapy