Il copyright su Internet

Aggiornamento Ottobre 2016: ho aggiunto una sezione in fondo all’articolo con vari link utili, che cercherò di tenere aggiornata.

Spesso riceviamo richieste di informazioni in merito a quanto sia possibile fare o non fare su Internet, in materia di Copyright.

Voglio innanzitutto fare alcune premesse:

  • La legislazione in materia è ancora incompleta. Molte leggi non sono ancora aggiornate al mondo digitale, ma fanno riferimento ai media tradizionali (foto, giornali, libri, etc)
  • Tutte le riflessioni sono pareri personali, e dato che non siamo avvocati  sono basati sulla nostra esperienza nel campo, ma non possono in nessun caso sostituire il parere di un legale.
  • La materia è ampia, e non può facilmente essere esaurita in un solo post;
  • Questo articolo stesso è in continuo divenire: questo è il bello della rete, ed è giusto apportare continue modifiche per poter fornire la migliore informazione possibile.
  • In mancanza di indicazioni specifiche per i contenuti digitali e per il mondo del web, bisognerà adottare le regole generiche per il diritto d’autore, per quanto a volte possano sembrare strane in un mondo digitale.

Regole generali

In mancanza di indicazioni, o se sei in dubbio, adotta un atteggiamento protettivo: ovvero dai per scontato che le opere siano integralmente protette da copyright e quindi non riproducibili in alcun modo. Questo atteggiamento permette la massima tranquillità e serenità. Magari si perderà qualche occasione di pubblicare qualcosa di bello e interessante, ma sicuramente si eviteranno problemi.

Guarda sempre sui rispettivi siti se ci sono delle politiche di copyright: è la prima cosa da fare. In alcuni casi troverai la Licenza Creative Commons, in altri troverai delle restrizioni, o delle particolari policy. Attieniti alle regole scritte dai proprietari.

Ovviamente le regole devono avere senso: va bene richiedere il rispetto del copyright sulle proprie foto e sui propri testi, ma siccome sulla rete troverete gente che dice di aver inventato la parola “computer” o il nome “Mario”,o che siccome ha fotografato lui il mare nessuno può più fotografarlo, dovrete usare il buonsenso per interpretare le regole e lasciar perdere le richieste assurde.

Se non ci sono indicazioni sul copyright, allora tutto il contenuto è protetto: per la legge italiana (e per quella di molti altri Stati) in mancanza di altre indicazioni l’autore di un’opera ne è proprietario.

Per esempio su Mammafelice viene richiesto:

  • di non fare copia/incolla integrale dei post (che è comunque vietato);
  • di non usare le foto senza chiedere l’autorizzazione, a meno che non si tratti di foto ridimensionate ovvero miniature (massimo 200px lato grande) di cui è permesso l’utilizzo senza richiesta di autorizzazione (indicando però sempre la fonte);
  • di non fare hardlinking.

Per linkare un’altra pagina non è mai necessario chiedere il permesso. Per linkare si intende inserire semplicemente un link che rimanda ad un’altra pagina, non confondetelo con la copia, che non potete mai fare senza autorizzazione! Internet è nato per condividere informazioni tramite hyperlinks, ovvero parole che cliccate rimandano ad un altro sito o pagina. Se una persona non vuole essere linkata, non deve mettere le informazioni sulla rete, oppure le deve proteggere con apposite precauzioni (password, aree riservate, etc).

Fotografie e immagini

NON puoi inserire sul tuo sito foto di altri senza permesso, nemmeno se metti i link, a meno che non abbiano la Licenza Creative Commons con la licenza d’uso delle foto e dicano espressamente che si può copiare senza permesso. Alcune varianti di Creative Common permettono la copia, ma deve essere riportato l’autore, il link o altro.

NON puoi manipolare le foto di altri, storpiarle, alterarle, ecc… a meno che non usi foto libere da copyright e senza restrizioni o a meno che tu non abbia autorizzazioni.

Sulla rete si è consolidata l’abitudine di poter utilizzare miniature (ovvero versioni ridotte e di qualità degradata) per rendere più facilmente identificabili i link. Questa metodologia è utilizzata da google, facebook, twitter, e dalla maggior parte dei social networks e degli aggregatori. È innegabile che le immagini permettano una più rapida identificazione del link, a tutto vantaggio della risorsa linkata e senza che nulla venga sottratto al legittimo proprietario: l’immagine è infatti essa stessa link, e non vi può essere dubbio sulla paternità.

Ecco cosa dice la Legge in merito:

Fonte: http://www.lucaspinelli.com/

“…In questo scenario, lo scorso dicembre è stata approvata una modifica alla Legge italiana sul diritto d’autore (633/1941), che prevede l’introduzione del comma 1 bis all’articolo 70. La nuova norma recita:
“È consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro. Con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali (…) sono definiti i limiti all’uso didattico o scientifico…”

In pratica si è stabilito che nell’era di internet il pubblicare una piccola gif di un’opera, con soli scopi didattici e citando la fonte, non lede il diritto d’autore e non è dovuto compenso.

Ma che cosa si intende invece per miniatura? Il termine non è univoco. Come non è univoco che cosa si intenda per scopo di lucro e addirittura che cosa si intende per foto. Dubito che Facebook, che inserisce automaticamente un’immagine in miniatura quando si scrive un link, lo faccia violando la legge. Immagino che avendo buoni avvocati, ed essendo appetibili da parte di chiunque voglia farsi soldi denunciandoli, sappia bene quello che fa.

Negli Stati Uniti esiste il concetto di fair use che è stato recepito da una direttiva europea.

Nell’aprile 2007, il Parlamento europeo ha votato in seduta plenaria una relazione che accoglie la proposta della Commissione di una nuova direttiva sul diritto d’autore – Ipred2 – e, nello stesso tempo, introduce una serie di emendamenti.
Uno, in particolare, ricalcato sostanzialmente sul fair use statunitense, stabilisce che la riproduzione in copie o su supporto audio o con qualsiasi altro mezzo, a fini di critica, recensione, informazione, insegnamento (compresa la produzione di copie multiple per l’uso in classe), studio o ricerca, «non debba essere qualificato come reato».

In particolare è stato redatto il Decreto Ministeriale Comma 1 bis, articolo 70, legge 633/1941 che estende il comma 1 bis e in particolare definisce che:

Non concorre a costituire il fine di lucro di cui al comma 1 bis dell’art. 70, legge 21 aprile 1941, n. 633, l’eventuale ricorso da parte del soggetto pubblicante o del fornitore della piattaforma a forme di rimborso degli oneri di manutenzione e pubblicazione, quali, a titolo esemplificativo, l’apposizione di banner o l’iscrizione in circuiti pubblicitari, quando la pubblicazione delle opere protette sia accessoria ai contenuti resi disponibili.

 

Musica

NON puoi usare musica, canzoni, poesie, video, ecc… protette da copyright, a meno che non si tratti di brevi citazioni correttamente attribuite.

La SIAE (Società Italiana Autori ed Editori) consente di acquistare licenze di utilizzo se si vogliono usare musiche di sottofondo.

Per inserire musica da scaricare o ascoltare in un sito web è necessario prima ottenere dalla SIAE una licenza e corrispondere un compenso per gli autori e gli editori delle musiche che si vogliono utilizzare. Non si tratta di una tassa, ma di un compenso per il lavoro di chi crea una composizione musicale.

Così cita il sito della SIAE, società italiana autori editori, e non si scappa: pubblicare musica, anche solo in sottofondo, sul proprio sito o blog è illegale, se non si ha l’autorizzazione necessaria, un contratto di licenza e si versa un compenso annuale per il pagamento dei diritti d’autore.

In ogni caso se volete usare musiche di sottofondo non avete ancora capito che cosa significhi diventare blogger professionisti 🙂

Testi

Diciamo subito che è illegale fare copia/incolla di qualsiasi articolo, sia esso preso dai giornali online che dai blog personali, anche inserendo la fonte: la citazione della fonte non è sufficiente a garantire la legalità del copia/incolla integrale.

Esiste infatti la possibilità di pubblicare piccoli estratti di testi altrui, che per la Legge Italiana viene definita ‘Diritto di Corta Citazione‘, ovvero:

un’eccezione al diritto d’autore. Quest’ultimo concede all’autore ogni forma di controllo sulla diffusione delle sue opere. In un certo numero di circostanze, un autore non può opporsi alla pubblicazione di un estratto della propria opera.
Fonte: Wikipedia.

E in quali casi si applica? Quando si può parlare di lunga citazione o corta citazione?

L’Articolo 10 della Convenzione di Berna dice:

1) Sono lecite le citazioni tratte da un’opera già resa lecitamente accessibile al pubblico, nonché le citazioni di articoli di giornali e riviste periodiche nella forma di rassegne di stampe, a condizione che dette citazioni siano fatte conformemente ai buoni usi e nella misura giustificata dallo scopo.

2) Restano fermi gli effetti della legislazione dei Paesi dell’Unione e degli accordi particolari tra essi stipulati o stipulandi, per quanto concerne la facoltà d’utilizzare lecitamente opere letterarie o artistiche a titolo illustrativo nell’insegnamento, mediante pubblicazioni, emissioni radiodiffuse o registrazioni sonore o visive, purché una tale utilizzazione sia fatta conformemente ai buoni usi e nella misura giustificata dallo scopo.

3) Le citazioni e utilizzazioni contemplate negli alinea precedenti dovranno menzionare la fonte e, se vi compare, il nome dell’autore.

In ogni Stato, poi, la normativa vigente è differente, pur mantenendo saldi i punti della Convenzione di Berna.

In Italia, ad esempio:

L’art. 70, Legge 22 aprile 1941 n. 633 (recante norme sulla Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio) dispone che il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti d’opera, per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento, sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purché non costituiscono concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera.

Con il decreto legislativo n. 68 del 9 aprile 2003 è stata introdotta l’espressione di comunicazione al pubblico, per cui il diritto è esercitabile anche sul web.

Per stare tranquilli e rispettare come sempre le Leggi (e non di meno il lavoro delle persone!), ecco come ci si può comportare:
– MAI fare copia/incolla integrale di un articolo, e nemmeno chiederne l’autorizzazione: è inutile;
– utilizzare con parsimonia le citazioni, inserendole all’interno del tag blocquote, in modo che per i lettori sia chiaro che il testo citato non ci appartiene;
– limitarsi a citare solo piccoli estratti di articoli o libri, intervallandoli con i nostri commenti costruttivi: il valore dell’articolo non deve essere lo scopiazzamento in sé, ma il testo che noi scriviamo per commentare il brano citato;
inserire sempre la fonte da cui si è tratta la citazione, sia all’interno della citazione stessa, sia in fondo al post, in modo da non dare adito ad alcun dubbio nei nostri lettori.

Fonte citazioni: Wikipedia.

Riassumendo

Devi sempre:
  • citare la fonte e linkarla, senza dare adito a dubbi;
  • attribuire correttamente la provenienza dei materiali che citi, senza dare adito a dubbi;
  • inserire il link al post da cui trai l’informazione, e (anche) genericamente al sito: devi dar modo ai tuoi visitatori di leggere l’informazione sul sito che l’ha realmente prodotta.

Non devi:
fare hardlinking, ovvero linkare sul tuo sito PDF da scaricare, modelli, cartamodelli, ecc…
Non si fa ed è scorretto perché ruba traffico al sito che ha prodotto il materiale, senza dargli nessun vantaggio: la Netiquette prevede che si linki la pagina di quel sito in modo che il PDF venga scaricato direttamente dal sito del suo legittimo proprietario.

Puoi sempre:
  • citare piccoli estratti di post altrui;
  • linkare liberamente i post e i siti che vuoi (non occorre chiedere il permesso per i link).

È uso comune:

lo fanno Facebook, Twitter, Google e tutti i social networks, ed è stato redatto un Decreto Ministeriale che lo contempla:

  • pubblicare piccole miniature, anche senza permesso, assicurandoti che sia chiaro ai lettori che non è materiale tuo, sia attribuita la paternità e ci sia in evidenza un link ai siti degli autori originali;

Conseguenze in caso di illeciti

Le conseguenze di un utilizzo illecito di materiale protetto da copyright possono essere molto gravi, quindi non è il caso di prenderle sottogamba. In particolare in ordine di gravità potrebbero essere:

  • obbligo di rimuoverle;
  • obbligo di pagare per l’utilizzo (e se sul sito ne avete molte il conto può essere salatissimo);
  • obbligo di chiudere il sito;
  • denuncia civile e conseguenti spese legali e indennizzi;
  • denuncia penale e conseguenti spese legali, indennizzi e condanna.

Come comportarsi in caso di segnalazioni o avvisi

Per quanto ci si sforzi di essere sempre onesti e utilizzare materiale legale, richiedere sempre le autorizzazioni, utilizzare sempre materiale proprio, se siete dei blogger professionisti potrà sempre capitare di avere qualche problema, per esempio:

  • Vi viene regolarmente venduto un articolo o una foto, lo pubblicate in totale buona fede e risulta un plagio;
  • Eravate convinti di utilizzare materiale con una licenza e ne avete usato con un’altra;
  • Avete sbagliato a salvare una foto e ne pubblicate una al posto di un’altra;
  • Oppure vi potete imbattere in persone particolarmente polemiche, rissose o fastidiose anche se siete in totale buona fede.
Come comportarsi in questi casi?
  • A meno che la richiesta non sia totalmente assurda, non richieda il completo stravolgimento del sito, o non siate sicuri al 100% (perchè magari l’opera è vostra 🙂 ) rimuovete subito il materiale segnalato. L’obiettivo di un blogger professionista deve essere quello di portare avanti il suo business, non battaglie ideologiche.
  • Evitate che vi venga segnalato direttamente nel post: una persona in buona fede vi contatta via email, e se siete in buona fede l’email deve sempre essere segnalata. Se avvia polemiche sul vostro blog evidentemente il suo intento non è proteggere la propria opera ma diffamare voi o mettere in mostra se stesso, e dovete impedirlo.

Come fare segnalazioni ad altri per violazione di copyright

Se lavorate bene prima o poi vi capiterà di trovare del vostro materiale non autorizzato su altri siti. La cosa è fastidiosa, e va sempre segnalata, Ecco alcune regole fondamentali:

Non fate richieste assurde: se ritenete di dover essere avvisati per un link, o di aver inventato una parola o una ricetta o un qualsiasi altro concetto e che nessun altro può usarlo, non siete ancora maturi per vivere la rete serenamente.

Assicuratevi che il materiale sia di vostra proprietà. Sembra banale, ma se siete dei professionisti del web e gestite decine di migliaia di articoli, post, commenti, foto, può essere facile sbagliare;

Contattate prima di tutto in privato il proprietario del sito. Se non trovate email e recapiti, questo è già indice di malafede ma dato che tutti i domini internet hanno un proprietario e un responsabile legale, potete contattare direttamente lui.

Se siete piccoli non accanitevi perché tanto chi copia solo ha vita breve (ve lo assicuro, sono sulla rete da prima che esistesse il web). Se siete grandi concentratevi sul vostro business e lasciate sempre sbollire la rabbia verso chi ha usato del vostro materiale: ma tanto se siete diventati grandi lo avete già capito.

Non usate comunque mai il vostro blog come arma per battaglie personali, anche se siete convinti di avere ragione: questo vi farà apparire irosi, antipatici, e vi qualificherà immediatamente come dei dilettanti del web.

Link utili in lingua italiana (sezione in continuo aggiornamento)

 

 

385 commenti su “Il copyright su Internet”

    • In ogni caso l’hardlinking è una pratica scorretta a livello di netiquette. Sarebbe meglio linkare la pagina che contiene il PDF. Se ciò non è possibile, puoi caricare il PDF sul TUO spazio web, ma ovviamente sempre linkando la fonte originale.

      • questo vale anche per un articolo di giornale che è già uscito e non è più disponibile alla vendita?
        vorrei pubblicare la scansione di un articolo di un settimanale legato a un quotidiano, ma non voglio creare/avere problemi o violare la netiquette.
        se cito la fonte e allego a un mio post del tutto originale il pdf faccio una st….upidaggine?

        • Si 🙂
          con i giornali bisogna assolutamente chiedere il diritto alla pubblicazione: solitamente vendono delle versioni digitali con varie licenze d’uso. Devi informarti bene, perchè può essere che non concedano il diritto alla pubblicazione su web.

  1. E i video dei cartoni animati?
    Una volta ho fatto un post su un cartone animato. Alla fine del post ho incorporato il video da youtube (durava 6-7 minuti). Poi mi è venuto il dubbio (tutti cartoni animati hanno il proprietario) e allora ho tolto il video. Mi piacerebbe almeno dare link a questo video su youtube ma non so se è corretto verso il proprietario (suppongo di no).
    C’è qualche legge in particolare?

    • La maggior parte dei video linkati su YouTube, sono pubblicati a rischio e pericolo dagli utenti: non è perfettamente legale pubblicare video di trasmissioni televisive, cartoni animati, ecc… Ci sono delle cause legali in corso tra alcune televisioni e YouTube proprio in merito alla diffusione di video presi dalla TV, e staremo a vedere che succede…

    • In genere se fanno delle rivalse di copyright sui video, le fanno direttamente a youtube e si fanno pagare oppure fanno cancellare il video. Nel dubbio conviene sempre condividere video dei canali ufficiali, che se li mettono online vuol dire che permettono di incorporarli, e se anche decidono di non permettere l’incorporamento, ti appare subito il messaggio apena li inserisci nel sito e te ne accorgi senza alcun rischio.
      Secondo me non conviene mettere sul proprio sito video di canali non ufficiali, magari copiati o registrati da ragazzini: in quel caso si potrebbe diventare complici. Come quando compri un oggetto rubato, per intenderci: non puoi dire “non sapevo”, commetti ugaulmente un reato.

      • Interessante questa cosa… ma davvero se il canale è ufficiale posso fare il download del video e pubblicarlo sul mio canale. Quanto sei certo di questa affermazione… Nestore per me sarebbe una rivoluzione. Sei sicuro che mi posso fidare ciecamente di questa informazione? Mi spiego, io ho un sito di strutture turistiche, dunque secondo te, se faccio il download di un video di un hotel dal suo canale ufficiale per fare la promozione letteralmente gratuita di quel video, nessuno potrebbe fare una segnalazione di abuso su quel video se io lo caricassi sul canale della mia agenzia online? Ho capito bene o in questo caso quanto dici non ha valore? grazie per una eventuale risposta.

  2. Questo post fa chiarezza su molti dubbi che avevo..soprattutto sulle foto “in miniatura”…non avevo ancora inteso bene come fare…grazie!!

    • Secondo me non è sbagliato: diciamo che per educazione non lo farei come primo commento in un blog in cui non ho mai commentato. Se invece c’è già un rapporto di confidenza, va benissimo. Molti però non gradiscono che si inseriscano link nei commenti se non richiesti.

      • è per questo che poi non li metto per paura che diano fastidio, senno dovrei mandarlo via mail ma pochi blog hanno in evidenza l’indirizzo mail, ciao grazie

        • Magari puoi scrivere dicendo: “ho un link che riguarda questo argomento, se ti fa piacere posso segnalarlo”. In ogni caso non è che è reato mettere un link: i blog servono soprattutto per comunicare 🙂 quindi al limite puoi provare, se vedi che non passa la moderazione o l’autore non gradisce, le prossime volte non li metti più.

  3. La materia è complessa e alcune cose sono più intricate di quanto qui si lascia intendere. Dichiarare esplicitamente i termini d’uso del materiale e del contenuto (senza lasciare il default “tutti i diritti [quali??] riservati” è sempre buona norma, per aiutare a fare chiarezza.

    A parte ciò, credo che la “netiquette” del non hardlinking sia sciocca in generale. Se per hardlinking si intende (come dovrebbe essere) l'”hyperlinking” di una risorsa fisicamente locata su altro sito, questo è a) l’essenza del web! (e andate a insegnare questo punto della netiquette ai motori di ricerca!) e b) il traffico è di fatto sul sito che contiene il materiale “hardlinkato”.

    Se con la storia del traffico si intende che io invece di mettere il link diretto a una risorsa devo mettere il link alla “home” del sito e dire “andatevela a cercare lì questa cosa” (e poi mi devo perdere in click su click per capire dove diavolo si può trovare), io dico evviva ogni volta che trovo un sito che non rispetta questa “etichetta”. Anzi, per me è un criterio discriminante.

    Per inciso, anche questo post non rispetta questa etichetta mettendo il link diretto ad un altro post (http://www.mammafelice.it/2011/09/08/back-to-school/); per non “sottrarre traffico”, ci andava solo http://www.mammafelice.it e “qui trovate un articolo dal titolo «…» dell’8 settembre 2011” ?? (abbastanza per citare correttamente, non abbastanza per andare dritti al sodo… a meno di non farlo tramite un motore di ricerca… )

    • Specificazione d’obbligo: si distingue la “pagina” da “materiali” (pdf ecc.). In verità, sono la stessa entità (dati), la distinzione è artificiale per colpa dei “traffic junkies” e dei SEO, e di qualche altro concetto distorto che dovrebbe essere estraneo al web.

      • Non è così 🙂 Leggi sotto per chiarimenti.
        La differenza è semplice:
        1) se linki un mio articolo mi riconosci un tributo e non dai alcuno svantaggio all’utente.
        2) Se inglobi un mio pdf o una mia immagine nel tuo sito, rubi la mia banda e non mi riconosci alcun tributo.
        1 non è hardlink ed è corretto, 2 è scorretto essendo hardlink.

    • Ciao, l’ultimo tuo paragrafo mi ha fatto capire che non hai chiaro il concetto di hardlink: non si intende il link diretto ad una pagina, ma il link diretto ad un file o risorsa interna ad una pagina (per esempio un pdf, una immagine, etc). Detto questo capirai che le tue obiezioni sono sbagliate, te le commento brevemente 🙂
      L’essenza del web è
      a)l’hyperlink di risorse, non il furto e l’appropriazione. Tanto è vero che Apache ha un modulo, il mod_rewrite, che tra le altre cose permette proprio di evitare queste tecniche.
      I motori di ricerca fanno di tutto per linkare le risorse originali, e non i singoli files da scaricare.
      b) il traffico generato dagli hardlink è inutile, perchè si paga e non porta alcun vantaggio.
      il link diretto va messo semplicemente alla pagina che contiene la risorsa (file o immagine) e non al sito, sennò come dici giustamente è una rogna per chi legge e deve cercare le informazioni. Infatti il link che citi tu non è un hardlink, ma un link corretto.
      Ultimo ma non meno importante: siccome mammafelice.it è un sito nostro, anche l’hardlink sarebbe permesso, dato che a casa propria non si parla di furto ma di uso 😉

  4. scrivo il mio primo commento su retelab. siete magnifici. io ho tanto da imparare e delle volte mi sembra di avere difficoltà a comprendere tutti i termini informatici ma vi seguirò con calma e cercherò di capire. non so bene cosa voglio fare del mio blog, l’idea mi solletica ma….
    per ora semplicemente grazie per tutto ciò che date ogni giorno alla rete e a tutte noi.

    • Grazie a te! tra poco inseriremo un “vocabolario informatico” perchè non sei l’unica che ci ha segnalato che alcuni termini hanno bisogno di maggiori spiegazioni.

  5. quindi manovre come quella che permette Blogger nell’inserimento immagini quando propone “Carica immagine DA UN URL” è hardlinking, a meno che il sito non sia tuo o abbia specifiche autorizzazioni, giusto? caspita, bisogna stare attenti…

      • Continuo a non averlo chiaro. Il blog NON copia l’immagine. La “embedda”, il che è regolarissimo e lecitissimo, tanto che comunque si può vedere subito da dove viene una immagine che compare direttamente in una pagina (copy image url / copia indirizzo immagine). Il browser per visualizzarla dovrà connettersi al sito, generando traffico. Il che è ancora regolarissimo. Se poi il sito da cui è presa la risorsa nonè in grado di contare l'”hit”, … o chi ha “embeddato” l’immagine nn si è preoccupato magari di aggiungere una didascalia per rendere chiaro il fatto che l’immagine non è hostata “dal” blog…

        Si possono usare tecniche di link dinamici che variano e sono validi solo per un certo lasso di tempo, per cui chi embedda una immagine la vede che so, per un paio d’ore e poi mai più… Ma secondo me sono tecniche bieche e contro lo spirito e l’esistenza di tutti quei tag che permettono di incorporare risorse esterne (img object iframe …), lo standard html va cambiato in modo da proibire il link su domini diversi? e allora buona notte web!

    • Si esatto: è il metodo ideale se si dispone di uno spazio web, perchè in questo modo le immagini rimangono tue e sarà poi più facile esportare il blog, ma non va usato con foto di altri di cui non si ha l’autorizzazione a hardlinkarle.

  6. Ciao Nestore! Ciao Barbara!
    sto pensando di aprire un nuovo blog dove sfruttare le mie competenze di Excel spiegando alcune funzionalità poco conosciute ma molto utili. Potrei avere problemi? Nel senso, Excel è un marchio registato, il citarlo e inserire immagini con le videate è una violazione del diritto d’autore? Grazie per la risposta, Chiara
    PS: siete grandi!

    • Ciao, non è assolutamente una violazione di copyright. Magari metti il disclaimer classico, tipo questo:
      Excel is a registered trademark of Microsoft Corporation.
      Windows is a registered trademark of Microsoft Corporation.
      Other company names and product names appearing in this site are the registered trademarks or trademarks of their respective companies.

  7. Quindi se voglio recensire un libro e prendo l’immagine della copertina da google non devo chiedere il permesso a nessuno? La posso usare tranquillamente? 😀

  8. Salve a tutti, ho letto l’articolo e tutti i commenti, ma sono ancora un pò confusa. Ho appena aperto un blog e per inserire delle immagini negli articoli attinenti a quello che scrivo a volte cerco in goggle immagini relative all’argomento. Scelgo sempre delle immagini ‘famose’ ( Ad esempio una stampa di un pittore famoso) e assolutamente mai delle foto private o provenienti da blog altrui. Ma mi sembra di capire che non sia corretto così. Dovrei comunque citare il sito di provenienza dell’immagine?

    • La citazione della fonte è sempre comunque obbligatoria. Il problema con i dipinti è che in teoria non si possono utilizzare, a meno che non abbiano più di 70 (o forse anche più) anni. Comunque la citazione è d’obbligo, almeno dell’artista.

    • Come al solito la mia risposta è meno soft di quella di Barbara 🙂
      Non puoi utilizzare immagini di opere di altri, senza alcuna eccezione. A meno che non siano più vecchie di 70 anni, o a meno che tu non abbia una autorizzazione scritta.
      Se le utilizzi violi il copyright e può esserti richiesta la rimozione, il pagamento di una royalty oppure può essere sporta denuncia da parte di chi detiene i diritti.

  9. Innanzitutto complimenti, qui sul copyright c’è di tutto e di più, questo post è una risorsa unica sul web (come anche il sito).
    Detto questo, vado al dunque…vorrei prendere dei video divertenti presi da youtube e postarli su un blog. Su questo blog ci sono ad sense e banner pubblicitari, quindi non si tratta di uso didattico o senza scopo di lucro, giusto? A parte questo, rischio di infrangere il diritto d’autore e di avere problemi legali se pubblico nel blog?
    Non si tratta di video musicali, come spiegato prima, ma video di perfetti sconosciuti che cantano canzoni altrettanto sconosciute, oppure video comici e simili.

  10. ciao ragazzi, ho recentemente iscritto il mio sito su tynt per avere modo di capire chi potesse copiare le mie foto perchè ne avevo avuto il sospetto osservndo il traffico del mio blog su Feedjit. nel vostro post leggevo che :”Se non ci sono indicazioni sul copyright, allora tutto il contenuto è protetto: per la legge italiana (e per quella di molti altri Stati) in mancanza di altre indicazioni l’autore di un’opera ne è proprietario” io sul mio blog non do indicazioni in merito dunque così facendo, da quanto ho precedentemente scritto tutto è in ordine, ma come scoraggiare chi vuol copiare? mi sembra che ogni metodo alla fine non sia particolarmente efficace, chi vuole copia e tiene per se, ma se volessi provare a scoraggiare cosa è meglio fare? se ne avete già parlato mi scuso e vi chiedo se potete darmi le indicazioni per, eventualemnte, trovare autonomamente la risposta, grazie mille!

  11. Ciao,
    ho un blog a livello amatoriale che tratta di nuove tecniche artistiche di “nicchia”. In ogni post pubblico alcune foto delle opere scaricate su pc (cioè non carico foto da un URL) e provenienti dal sito dell’autore stesso attribuendo sempre la paternità all’autore e citando sempre la fonte tramite il link al sito ufficiale. Praticamente sono delle recensioni all’autore e alle sue opere. Sto violando comunque il copyright?

    • Si lo stai violando, se non hai autorizzazione scritta dei vari artisti o se le opere di cui tratti hanno meno di 75 anni. Se il sito non ha fini di lucro potrebbe rientrare nello scopo didattico o nel cosidetto “fair use”. Se però lo studio legale di qualche artista se ne accorge, ti può comunque capitare che ti arrivi la diffida o la richiesta di pagamento dei diritti, oppure che mandino una notifica di violazione di copyright al tuo provider che può chiuderti il sito o intimarti di rimuovere il materiale immediatamente.
      Ti ricordo comunque che io non sono un avvocato, ma il mio è un parere basato sull’esperienza e su ciò che conosco.

  12. Scusa,ma mi è venuta in mente un’altra cosa: quindi paradossalmente, chi non cita la fonte e scarica materiale da altri blog tipo il mio, non verrà mai “beccato” in quanto non tracciabile… A questo punto mi sa che mi conviene chiudere il blog, non vedo alternative.

    • Chi non inserisce i link viene ‘beccato’ sempre, se usa materiale illegalmente, e l’assenza di link non fa che peggiorare la sua situazione. Ci sono mille modi per trovare traccia delle proprie foto pubblicate senza autorizzazione. 😉

    • Come dice Barbara: si viene beccati in entrambi i modi, (esistono sistemi professionali di protezione di copyright che rilevano qualunque violazione di testo o immagini anche se modificate o ridimensionate).

  13. Ciao Nestore e un saluto a tutti coloro che partecipano al sito offrendo contribuiti importanti.

    Innanzitutto faccio i miei complimenti, poi vorrei esporre una domanda:

    Anche il mio dubbio è relativo, in particolare ma avrei anche una domanda ulteriore, a materiale quale: copertine di libri e video trailer.
    Rispetto alle domande già fatte dagli altri utenti, però, vorrei andare più nel dettaglio, attraverso esempi specifici e mirati.

    Posseggo un blog sulla scrittura e la letteratura.
    Il materiale è generalmente inedito per quel che riguarda gli scritti come racconti, poesie, riflessioni e quant’altro. Edito ma ugualmente pubblicato qualora l’opera sia sufficientemente “anziana” oppure il proprietario mi abbia concesso i diritti di pubblicazione (tramite corrispondenza elettronica).

    Le mie domande sono:

    1) Quando scrivo recensioni di libri (o comunque articoli in generale) mi è concesso inserire a scopo informativo la copertina dello stesso (o l’immagine di un concorso) qualora sul mio blog abbia banner pubblicitari (come gli adsense di google) ?

    Oppure nel momento in cui viene fatta pubblicità sul proprio sito ogni immagine va considerata non più a scopo didattico ed informativo (come è realmente quello dell’articolo) ma “a scopo commerciale” ?

    Allo stesso modo posso inserire booktrailer incorporati da YouTube relativi al libro ? (solitamente prodotti direttamente da case editrici e distribuiti attraverso i loro canali ufficiali, come Feltrinelli, NewtonCompany, Mondadori etc etc.) ?

    2) Nel mio blog come detto ci sono sessioni per testi scritti come “racconti” e “poesie”.
    E’ consentita la pubblicazione di racconti scritti inviati per partecipare a concorsi nazionali ?
    Ogni anno, ad esempio, viene indetta la manifestazione letteraria “Parole in corsa”, centinaia di scrittori inviano i propri racconti e tra questi si scelgono dei vincitori.

    E’ possibile secondo voi pubblicare il testo vincitore di una edizione (o semplicemente un testo partecipante), dichiarando paternità del testo, qual’era la manifestazione e fornendo tutte le informazioni del caso ?

    Allo stesso modo, è possibile pubblicare una poesia breve (poche righe) scritta da un autore famoso (Erri De Luca per fare un esempio) ?

    Grazie mille per l’attenzione e scusate se sono stato un tantino prolisse 😉

    • Ciao Dekano, rispondo a quello di cui mi sento abbastanza certo:
      per la pubblicazione di racconti scritti inviati per partecipare a concorsi nazionali, dipende dall’accordo tra chi ha inviato lo scritto e chi lo ha ricevuto. Siccome in Italia la proprietà intellettuale è di chi ha realizzato l’opera, sarà lui a decidere se concederla, e in mancanza di accordi specifici e senza autorizzazione non è permesso pubblicarle.
      Non credo sia possibile pubblicare il testo vincitore di un’edizione, a meno che non sia scritto esplicitamente che ne è consentita la riproduzione.

      E ora passo a quelle su cui ho dubbi
      – Una poesia anche se breve è protetta dal diritto d’autore. Teoricamente c’è il diritto di corta citazione, però se la corta citazione comprende tutta la poesia.. boh dipende dal fatto se quel mese gli avvocati della casa editrice di Erri De Luca devono portare dei risultati a casa oppure no 🙂
      – Per le copertine di libri o locandine di film so per certo di segnalazioni in merito: molte case editrici e cinematografiche non gradiscono. Ma anche qui, se metti un’immagine ridotta e linkata puoi invocare il fair use. Però abbiamo dubbi anche noi.
      – Booktrailer incorporati da YouTube : non lo so proprio.

  14. Dato che ho aperto su Facebook una pagina di notizie riguardanti la mia città…tra i tanti articoli che pubblico ogni giorno, reperiti da siti d’informazione locale, pubblico anche alcuni articoli della rassegna stampa, che mi mi rigira un amico che lavora al comune, e che non potrei avere poichè l’addetto stampa del comune, provvede solo ad inviarla a poche persone di fiducia, dirigenti, consiglieri e assessori comunali. Sotto ogni articolo di giornale c’è scritto:”Ritaglio stampa ad uso del destinatario, non riproducibile – realizzato con ……..”(l’ho omesso per la privacy)…il file mi arriva in pdf…ed io con paint mi salvo gli articoli in formato foto JPG per pubblicarli sulla mia pagina. Potrebbero farmi causa dal comune? Perchè prima di pubblicare la foto dell’articolo provvedo ad eliminare la scritta -Ritaglio stampa ad uso del destinatario, non riproducibile ecc. ecc.- sotto da ogni articolo, in modo che non è riconducibile alla rassegna stampa del comune…gli articoli non vengono manipolati e riportano sempre il nome della testata giornalistica e il nome dell’autore dell’articolo!

    • Il fatto stesso che ritagli la scritta che ne limita l’utilizzo, e che li stampi in formato jpg dice chiaramente che sei al corrente che non puoi farlo, ma lo fai ugualmente 🙂
      A mio modesto parere non potresti farlo, inoltre in ogni caso per citare articoli di giornale devi avere l’autorizzazione dalle testate: non basta citare testata e autore (anche se almeno denota un po’ di rispetto).

      • dalle testate locali ho avuto il permesso, il problema è che non l’ho avuto dall’addetto stampa del comune a pubblicare il loro lavoro sulla mia pagina facebook!

        • Allora utilizza le fonti che ti hanno dato l’autorizzazione e crea una rassegna stampa tu: nessuno potrà impedirtelo se hai l’autorizzazione delle singole testate.

  15. Ciao, ho una directory web sul mondo dello sport. Volevo sapere se posso inserire un link, una piccola descrizione, una meta description e una miniatura generata in automatico per ogni sito della directory.

    • Ciao, per quanto ne so io le directory sono assolutamente legali e non violano alcuna regola o legge sul copyright.
      Finchè sono semplici link con brevi descrizioni non ci sono problemi. Per gli screenshot se sono leggibili potrebbero esserci dei problemi se non hai l’autorizzazione. Se invece sono piccole thumb non leggibili, ma che servono semplicemente a dare un’idea del sito, secondo me non c’è problema.
      Questo è un mio parere personale.

      • In pratica sono 120*90 le thumbs, inoltre voglio solo inserire i siti di maggior spessore che non verranno mai influenzati dalla mi directory.

  16. Questo articolo sul copyright è davvero interessante, e vi ringrazio per aver sviscerato l’argomento nella maniera migliore possibile – considerata l’evanescenza della legislazione sul copyright, entro certi termini.

    Vorrei chiedervi un consiglio; sto aprendo un blog di cinema, mi chiedo se inserendo foto di scena violerei qualche copyright. La mia intenzione non è fare gallerie fotografiche o banner, ma semplicemente inserire una foto di scena di dimensioni medie per ogni film. Spulcio i siti dei vari film per controllare se è segnalato qualcosa circa le immagini, ma a parte i tasti di sharing (FB, Twitter, Pinterest…) non trovo segnalazioni specifiche.

    Voi cosa ne dite?
    Andrei più sul sicuro con la locandina, ma l’effetto non è molto gradevole; e la foto di scena giusta è molto più efficace di un’intera collezione di locandine.

  17. Ciao Ragazzi!
    questo era il Post che cercavo da tanto!
    spero mi possiate dare una mano 😀

    Vorrei creare un Blog a fini educativi (della lingua Italiana), usando la musica.
    L’idea è fare tipo un “karaoke” dove al ritmo della canzone appare il testo e canti.
    Per evitare di usare i video di Youtube già fatti, (quelle con dediche, foto personali, ecc) pensavo di crearlo Io stesso con le trace dei CD che ho acquistato, e magari qualche immagine del artista, e poi caricarlo sul tubo. Naturalmente tutto senza fini di lucro.
    questo può essere possibile, senza dover violare diritti e copyright?
    anche se nella descrizione metto: a fini educativi, e link alla pagina del’artista?
    e aggiungo la possibilità di acquistarlo legalmente su itunes, ecc?

    Ho sentito che youtube quando trova una segnalazione di una tracia audio protetta da copyright la rimuove dai video lasciandolo muto. Non vorrei che succeda me visto che l’idea è quella di seguire il testo con la musica.

    Grazie anticipate e se vi viene in mente magari un’altra opzione, fattemi sapere!

    • Per la legge sul copyright non puoi farlo, e violeresti sicuramente i copyright incorrendo in possibili denunce e richieste di pagamento. Devi contattare ogni autore per ogni pezzo e ottenere l’autorizzazione (dubito che sia possibile ottenerla senza pagare royalties).
      Attenzione che youtube se la cava rimuovendo l’audio perchè ha accordi con tutte le major, miliardi di fatturato e uffici legali, se lo fa un privato cittadino le conseguenze possono essere anche penali e comunque molto costose.

      • Grazie Nestore!
        e se “Postasi” il video Originale dell’autore dal canale proprio di Youtube (tipo, NegritaVEVO, ecc), e aggiungesse un riquadro con il testo della canzone in modo che in tanto che si riproduce l’utente lo legga, infrango ancora le leggi?

        • Per postare il video dal canale youtube non c’è problema, soprattutto se li prendi dai canali ufficiali (se permettono l’incorporamento vuol dire che è ok), ma per il testo infrangeresti le leggi: anche i testi delle canzoni infatti sono protetti da copyright.

  18. Ciao a tutti.
    Posso scaricare file da altri siti (di economia er esempio) e utilizzarli per creare dei grafici da inserire nei miei articoli (e magari dare anche la possibilità di scaricarli)?
    Grazie

  19. Ciao,
    avrei un dubbio e magari voi mi sapete aiutare… 🙂 Se invece è una domanda troppo specifica… pazienza 😉
    In un post che ho scritto, relativo ad un corso a cui ho partecipato, avrei voluto mettere la foto raffigurante una parte dell’attestato di partecipazione, in cui si vede il logo della scuola.
    Il nome della scuola è un marchio registrato, pertanto ho preferito scrivere al responsabile per chiedere l’autorizzazione alla pubblicazione di quella foto (scattata da me), ma non ho ricevuto risposta.
    Secondo voi posso utilizzare la foto, o è più prudente lasciare il post senza immagini (anche se meno appetibile)?

    grazie 1000
    Chiara

    • Massì, dai, se linki correttamente io non penso ci siano problemi, a meno che la scuola non sia gestita da qualche rompiscatole patentato. Se invece si tratta, che ne so, di una scuola tipo CEPU (il primo nome che mi viene in mente, sorry…), o scuole non di quartiere, magari no.

  20. Ciao a tutti !
    Mi sono appena iscritta.
    Orami da tempo cerco di capire come gestire al meglio i miei piccoli blog, nonostante gli enormi limiti rappresentati dalla mia totale inesperienza.

    L’argomento di questo post, ad esempio, mi stà particolarmente a cuore per due motivi:
    1) voglio lavorare su piccole idee, ma voglio farlo bene e correttamente, altrimenti meglio lasciar perdere;
    2) NON desidero avere altri problemi, oltre a quelli che ho già ^_^

    Il “problema” nasce per un blog dove ho inserito una sezione vintage, nella quale condividere pubblicità (quasi esclusivamente cosmetica e, raramente, prodotti per bambini e femminili- tutti argomenti trattati nel blog) di:

    – riviste della fine del 1800 e degli anni 50′ – 60′ – 70′
    – pubblicità di giocattoli o prodotti per bambini tratte da Topolino anni 70′ – 80′ .

    Avevo anche intenzione di aggiungere col tempo, alcune foto personali di miniature di profumi, abiti presenti in mostre dove eravamo autorizzati a fotografare ( e tutto quello che nel frattempo mi sarebbe venuto in mente ).

    Il dilemma nasce per le scansioni delle riviste.
    Per ognuna c’è sempre:
    – nome rivista
    – numero
    – data
    – prezzo di copertina

    All’inizio mi limitavo a postare l’immagine scrivendo il messaggio pubblicitario, poi ho iniziato ad aggiungere informazioni, curiosità, ma soprattutto ricordi personali.

    Sulla Home ho Ad sense e qualche banner, inoltre ospito articoli sponsorizzati.
    Sono consapevoledel fatto che non siete avvocati, ma di esperienza ne avete da vendere, quindi avrò molta considerazione della vostra opinione.

    I due blog mi tolgono tanto tempo e adesso sarebbe il momento di muoversi in maniera diversa.
    Sarò felice se potrò continuare a lavorarci ( sono molto efficaci per distrarmi da altri pensieri ^_^), ma senza sprecare inutilmente ore di lavoro.
    Vi lascio il link alla categoria per aiutarvi a capire ( mi spiego da schifo…) e per farvi vedere che ho inserito in alto una pagina Copyright dove ho raccolto delle leggi…

    http://unamammettapasticciona.blogspot.it/search/label/Vintage

    Grazie infinite!
    Letizia

    • Ciao Letizia, immagini o scansioni di riviste e fumetti io non te li consiglio: è un grosso rischio. Prodotti cosmetici e foto di prodotti da te scattate, potresti anche utilizzarle. Linka sempre la casa produttrice e magari avvertili con una mail di avere scritto un post su di loro: spesso fa piacere, visto che si tratta di una pubblicità gratuita. 😉

      (p.s.: sta si scrive senza accento 😉 )

  21. Ciao a tutti. Siete grandi!!! Questa è il mio primo commento su retelab. Passo subito al dunque: sto studiando la content curation e leggendo qua e là su intenet non ho trovato informazioni dettagliate relativamente ai possibili problemi di copyright qualora si prenda (faccio un esempio) titolo e prime 20 parole del testo dall’articolo originale. Cosa succede in questo caso? Non voglio fare spamming ma per capire cosa intendo basta cercare un articolo di scoop.it. Grazie in anticipo.

    • Secondo me rientra nel diritto di corta citazione: quindi non può essere vietato. Ovviamente la citazione deve essere citazione: ovvero in mezzo ad un articolo scritto da te parli di un’altro. Se prendi invece solo titolo e 20 parole e non aggiungi nulla di tuo, non è una citazione ovviamente, quindi è una copiatura.

  22. Ciao a tutti!
    ho appena scoperto il vostro fantastico blog e mi sono appena iscritta.
    Il mio blog/sito gira attorno alla ricerca locali e alle recensioni mie e degli utenti su questi locali per alimentazione particolare.
    Essendo tutto ancora piuttosto nuovo per me credevo che tutti i locali mi dovessero dare un’autorizzaione scritta per inserirli nel sito. Ho però poi pensato a un sito tipo trip advisor, credo che chiunque possa scrivere una recensione, quindi aggiungere i dati di un locale senza chiedere il permesso.
    Secondo voi devo per forza chiedere l’autorizzazione? Ci sto perdendo davvero troppo tempo. I locali rispondono anche ma con moooolta calma e se vado avanti così ci metto mesi….
    C’è una scheda per ogni locale in cui inserisco i loro contatti ma vorrei anche aggiungere più o meno un prezzo indicativo, quando sono chiusi, ecc
    Avete così tanta esperienza che mi farebbe piacere un parere.
    Grazie 🙂

    • Ciao Sonia, secondo me non devi chiedere alcuna autorizzazione: se si tratta di locali pubblici chiunque ha diritto di segnalarli. Al limite potrebbero chiederti di non pubblicare foto di logo o vetrine, perchè ne detengono il copyright, ma le informazioni relative a denominazione del locale, indirizzo, consigli, etc sono di pubblico dominio.
      Anche le recensioni sono pareri personali, quindi non ci dovrebbero essere problemi, altrimenti siti come tripadvisor e simili non potrebbero esistere. Ovviamente ognuno si prende la responsabilità civile e penale di ciò che scrive: le recensioni e le segnalazioni devono essere vere e non infamanti. Se scrivo “non mi piace la sua cucina, secondo me i camerieri sono sgarbati” va bene, perchè è un parere personale, ma se scrivo “ci sono i topi in cucina” di sicuro mi becco una denuncia.
      Dato che non sono avvocato questi sono pareri personali, se qualcuno ha riferimenti legislativi e me li segnala aggiornerò questo commento.

      • Ciao,ho aperto un blog cercando di crearlo a somiglianza di tripadvisor,nella quale peró metto a recensire dagli utenti registrati soltanto prodotti di alimentazione italiana,con foto e descrizioni composte dai produttori, (ingredienti e stagionature) nel senso che quelle sono e quelle non ci scappi! In questo caso é concessa la copia? Inoltre sempre in questo caso, la foto dovrei farla io essendo un prodotto pubblico?grazie attendo risposte!

  23. domandone!vorrei creare una pagina facebook dedicata alla storia della mia città e pubblicare photografie della mia cittadina.
    Molte di queste foto sono cartoline scattate tra il 1910 e il 1980 io le scansiono avrei problemi????
    Logicamente nelle info della pagina metterò che non c’è scopo di lucro ed ha solo un fine conoscitivo!
    Su facebook ci sono pagine giganti dedicate a Milano Roma firenze… ma sono talmente fortunato che come minimo verranno a rompere le scatole a me!
    che ne dite!?

  24. Ciao e complimenti per l’articolo.

    Vorrei porVi la mia questione. Sto per pubblicare un sito di recensioni di attività (es. Hotel, ristoranti, ecc.) ma vorrei capire se posso pubblicare foto, inditizzi mail, facebook, ecc. degli stessi prendendole dai loro siti o mi occorre autorizzazione specifica.

    Ringrazio e auguro a tutti un buon lavoro

    Marco

  25. Ciao a tutti! Grazie per tutte le informazioni utili che ho potuto reperire su Retelab. Vorrei porvi un quesito, anche se esula dal mondo del blog…ma spero che potrete comunque aiutarmi! Sto pensando di creare un sito dove raccogliere foto, sia recuperate in rete che scattate dagli utenti (che spero ci saranno!) iscritti. In questo caso, come gestire la politica di copyright? Se gli utenti caricano foto coperte da copyright, la responsabilità per la violazione del diritto di autore sarebbe anche mia? Oppure posso invitare al rispetto del copyright e poi attribuire la responsabilità, in caso di violazione, a chi ha effettuato l’upload (leggendo i “terms of service” di Pinterest, ad esempio, mi sembra di capire che la logica sia questa)? Grazie mille per quel potrete dirmi sul tema!

  26. Ciao e grazie per il post! 🙂 Ho un dubbio su questa frase:
    “Non fate richieste assurde: se ritenete di dover essere avvisati per un link, o di aver inventato una parola o una ricetta”
    Perché non si può aver inventato una ricetta?

    • Ciao maddi, non è che uno non può aver inventato una ricetta (cosa comunque difficile). E’ che non può pretendere diritto di copyright sulla ricetta. Sulle foto e su testo si, ma sulla ricetta no. La ricetta è come l’idea di un libro o di un film: se domani voglio fare un film che parla di una tata con dei poteri magici e che vola con un ombrello in mano posso farlo, anche se esiste già Mary Poppins.
      Intendevo dire che a livello legale sono abbastanza certo che nessuno potrebbe vincere una battaglia legale accusando qualcuno di avergli copiato una ricetta, e che accusare qualcuno di aver copiato una ricetta è quasi sempre una cosa ridicola (a meno che non si sia inventato qualcosa di davvero originalissimo, tipo per dire “midollo di tonno con fiori di nasturzio” http://masterchef.sky.it/showvideo/146635/midollo-di-tonno-con-nasturzio-la-sintesi/09-01-2013/ ).

  27. Buongiorno,
    mi è accaduto proprio in questi giorni che un mio articolo di blog sotto licenza: CC by-nc-nd/2.5 sia stato copiato per intero (compreso titolo e immagine di apertura citata per attribuzione nel mio post originale), con unico riferimento un “fonte news: Mio Nome e Cognome” (senza link alcuno) in fondo all’articolo.
    Premetto che una volta segnalato all’autore che avevo scoperto il tutto ha prontamente rimosso tutto ma volevo capire dove nelle licenze CC è spiegata questa frase che riportate qui nell’articolo:
    “Diciamo subito che è illegale fare copia/incolla di qualsiasi articolo, sia esso preso dai giornali online che dai blog personali, anche inserendo la fonte: la citazione della fonte non è sufficiente a garantire la legalità del copia/incolla integrale”.

    Grazie per l’eventuale risposta e complimenti per l’articolo molto dettagliato.

    • Nel contesto dell’articolo quella frase va letta così: ““Diciamo subito che IN MANCANZA DI DISPOSIZIONI DIVERSE è illegale fare…”
      Ovviamente se io nel mio blog scrivo: “potete tranquillamente copiare tutto”, allora sto dando disposizioni particolari. Anche nel tuo caso hai dato disposizioni particolari, ovvero hai rilasciato l’articolo sotto una licenza specifica, le cui condizioni sono indicate qui: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/
      Per quanto riguarda l’attribuzione è scritto: “Devi attribuire la paternità dell’opera nei modi indicati dall’autore o da chi ti ha dato l’opera in licenza e in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l’opera.”
      Se non hai dato disposizione di citare il link, a mio parere chi ha copiato l’articolo non ha violato la licenza, perchè ti ha correttamente attribuito la paternità. Se invece avevi specificato che doveva essere linkato il post originale, allora avrebbe dovuto farlo.

      • Grazie per la pronta risposta. Ne approfitto per farti un ulteriore domanda, vista la competenza dimostrata sull’argomento.
        E’ possibile, sotto regime di CC, stabilire un limite alla copiatura totale dell’articolo specificandolo nelle policy del sito (es. non puoi riprodurre totalmente l’articolo senza l’autorizzazione dell’autore) o comunque le CC garantiscono la possibilità di copiare anche interamente l’opera a patto che si rispettino le modalità di citazione indicate dall’autore?

        • Non credo che esista un limite alla copiatura totale: la Creative Common è nata proprio per condividere.
          La tua esigenza è sentita da molti, che vorrebbero una modifica della CC con l’aggiunta dell’opzione “Notification”, ovvero la possibilità di decidere se e come essere avvisati di un utilizzo (i valori potrebbero essere: obbligatoria, gradita, non necessaria) ma per ora che io sappia non è stata implementata.
          Secondo me se vuoi sempre essere avvisato e avere il controllo totale ti conviene non utilizzare la CC.

  28. Pingback: CHI SIAMO
  29. Salve.
    Io ho un problema, nel senso che ho realizzato un sito internet e con esso un logo per l’azienda di riferimento. Adesso l’azienda mi chiede di far diventare il logo quello dell’azienda stessa per produrre biglietti da visita e quant’altro. Nessun problema, solo che si tratta di questo famoso omino bianco che non si bene a chi appartenga. Io mi ci sono ispirata e l’ho totalmente stravolto, ma non vorrei che qualcuno ne reclamasse i diritti. Io chiederei pure il consenso, ma di chi è questo omino? Se si cerca su google ci sono tanti siti che lo utilizzano, qualcuno lo vende, qualcuno scrive che potrebbe essere protetto da copyright….non saprei. Per capire di cosa parlo basta cliccare “OMINO” su google. per intenderci è l’omino bianco in 3D. Grazie dell’attenzione e dell’aiuto che mi offrite. Manuela

    • E’ una domanda difficile, soprattutto perché dovrei vedere l’immagine che hai fatto e cercare se ne trovo di simili o uguali. Secondo me dipende se ti sei solo ispirata o hai copiato da qualcosa coperto da copyright. Per fare un esempio: ovviamente sulle foto del cielo non c’è copyright, ma se copi il cielo di una foto di un fotografo famoso e la metti in una tua opera, il fotografo può pretendere il pagamento delle royalties (caso reale anche se in questo momento non ho sottomano il link).

  30. Buongiorno,
    sto realizzando un sito su una località di montagna, e cercavo su internet escursioni o attività del luogo, se ad esempio su internet trovo la descrizione di un itinerario di trekking e lo riporto nel mio sito mettendo anche il link al sito originario ledo qualche diritto d’autore? Eventualmene potrei mettere una parte dell’itineratio descirtto su internet e un link alla relativa pagina? Se riporto la programmazione del cinema locale prelevandola dal sito del cinema stesso è violazione di copyright? se riporto un elenco degli alberghi e per verificare la disponibilità faccio degli accessi ai vari motori specifici (booking, venere, ecc) e ne capisco la disponibilià dai loro risultati è illegale?
    Grazie

    • Credo che riportare gli itinerari non leda diritti d’autore: però devi scriverli con tue parole, utilizzando solo i punti degli itinerari, altrimenti violi il copyright dell’articolo o del libro.
      Per la programmazione del cinema non credo vi sia violazione: sono eventi pubblici.
      Per la disponibilità non credo che ci siano problemi, ma farlo in quel modo è dispendioso e inaffidabile.

  31. Salve,
    Ho una pagina Facebook dedicata al tennis del passato, nella quale vengono pubblicate molte foto scannerizzate da vecchie riviste specializzate ormai non più in vendita da circa 20 anni (le riviste proprio non esistono più sono chiuse). Queste riviste fanno parte della collezione personale mia e di altri utenti della pagina. Precisando che mai nessuno ha avanzato alcuna rimostranza, sto commettendo qualcosa di non “illegale” o non corretto? Nel caso a chi potrei rivolgersi per richiedere l’autorizzazione, visto e considerato che appunto queste riviste hanno cessato la pubblicazione da tempo immemore?
    Grazie!!

    • Le foto diventano di pubblico dominio dopo 70 anni. Anche se i giornali hanno chiuso, gli autori delle foto potrebbero reclamarne i diritti.
      Leggi anche questo interessante articolo che parla della legge italiana per pubblicare foto su Facebook: http://goo.gl/ONTn7

  32. Ciao,
    la mia può essere una domanda banale,ma mi è venuto un dubbio:
    scrivo su un forum di mamme e scrivo anche articoli,
    trattando argomenti ‘da mamme’,capita di parlare di cose che sono state scritte anche su altri forum,siti…
    in questo caso se io parlo di argomenti simili e che quindi hanno gli stessi termini,descrizioni….non è violazione di copyright giusto?
    se io parlo dello svezzamento, per esempio, svezzamento è, in tutti i testi!
    Grazie come sempre di questi bellissimi e utilissimi articoli.
    Sara

    • Salve a tutti e complimenti per l’ottima discussione,
      Mi sembra di capire, quindi, che se inserisco sul mio sito dei video dai canali di YouTube non ho problemi (proprio perché ne permettono la condivisione). Ma se inerisco dei video di YouTube caricati da altri utenti, cioè che non sono dei canali Youtube, ad esempio un evento sportivo o un brano musicale tratto da un concerto di un famoso artista, in questo caso, anche se YouTube mi permette la condivisione, avrò comunque dei problemi con il copyright?
      Grazie mille.

      • Secondo me si, potresti avere problemi. E’ come vendere una cosa rubata: non puoi usare come giustificazione il fatto di non saperlo, sei ugualmente perseguibile.
        Però è solo una mia interpretazione.

  33. Ciao e complimenti per questo interessantissimo blog che ho appena conosciuto. Ho qualche dubbio su tutto quello che è stato scritto riguardo al copyrighit, provo a spiegarmi. Un musicista per vedersi riconosciuti i diritti d’autori deve essere iscritto alla SIAE e registrare la musica o canzone che ha scritto; per i loghi o nomi devi fare tutta una trafila per registrarli e pagare un tassa annua (questo lo sò per certo perchè io ho un marchio registrato). Allora se per internet la legge italiana prevede le stessi leggi è giusto che basti scrivere una trentina di parole una dopo l’altra per avere automaticamente il copyright? ho forti dubbi, se me li poteste chiarire sarei davvero felice, grazie!

    • Ciao, un musicista non ha necessità di essere iscritto alla SIAE per vedersi riconosciuto il diritto d’autore. La SIAE svolge solo funzione di intermediazione, è spiegato tutto bene qui: http://www.siae.it/Faq_siae.asp – tutta la musica che produci e di cui puoi testimoniare la paternità è comunque sempre protetta da copyright.
      Per quanto riguarda loghi o nomi il discorso è più complesso. Esiste anche il marchio non registrato, e ha le sue tutele: http://it.wikipedia.org/wiki/Marchio_non_registrato_(diritto_italiano)
      ma ovviamente sono più labili.
      Inoltre il marchio è un concetto diverso da una foto o uno scritto. Mi spiego: non è che nessuno abbia mai usato la parola “Word” o “Windows” oppure la frase “Just Do It”, ma nel momento in cui un’azienda ne richiede l’utilizzo come marchio, nessun altro potrà usarlo come marchio, ma la maestra di inglese può tranquillamente continuare a insegnare a dire: “open the window” senza che la Microsoft le faccia causa. Un Marchio è l’associazione di un’imagine o una frase ad una attività, per questo richiede una registrazione. E per questo quando lo registri ti richiedono i settori merceologici per i quali lo utilizzi, e se non lo utilizzi entro tot anni la registrazione decade.
      Tutto quello che invece è evidentemente frutto di ingegno, anche senza essere legato ad un marchio o azienda, e di cui puoi dimostrare la paternità, è automaticamente protetto: nulla vieta però di ricorrere a forme ulteriori di tutela o intermediazione, come la SIAE o come l’affidarsi a professionisti che si occupano di protezione di copyright.

      • Buonasera, faccio parte di un comitato senza fini di lucro che vorrebbe realizzare un video-denuncia sullo stato di abbandono del proprio territorio. Questo video dovrebbe contenere decine di screenshot di articoli di giornali online apparsi in questi anni. Gli screenshot permetterebbero di leggere i titoli ma non gli articoli in quanto apparirebbero in sequenza molto ravvicinata. Dobbiamo chiedere l’autorizzazione ai rispettivi giornali online per fare ciò? Grazie mille, Davide

  34. Complimenti per il post! Secondo te, se io realizzassi una piattaforma (a scopo di lucro) in cui gli utenti iscritti hanno la possibilità di caricare foto prese dal web, la responsabilità ricadrebbe su di loro?

    • No, ricadrebbe soprattutto su di te. Anche perchè tu saresti facilmente individuabile, e tu saresti la persona che ne trae profitto. Quindi se io fotografo vedessi una mia foto sul tuo ipotetico sito, la denuncia e la richiesta di riscarcimento la farei direttamente a te 🙂

      • Il lucro non deriverebbe dalle foto caricate dagli utenti. Questa (il fatto di poter caricare delle foto/immagini) sarebbe una funzionalità accessoria del sito, che comunque guadagna in altro modo. Messa in questi termini, le cose cambiano?

  35. Salve. Un giornale on line regolarmente registrato al tribunale, ha scaricato due miei video caricati su youtube e li ha pubblicati apponendo la loro firma. Questo senza aver mai chiesto il permesso di uso o aver mai menzionato il nome dell’autore. Che devo fare?

  36. ciao ma sei io linko un video musicale pubblicato da qualcun’altro su youtube, sulla mia pagina pubblica facebook (ovvero incolllo il link nello stato) violo il copyright di
    quell’utente youtube o direttamente del cantante ?

    • Direttamente del cantante, perchè non puoi sapere se l’utente che ha pubblicato ha l’autorizzazione o no. Per esempio le foto che pubblichiamo qui e sui nostri siti sono tutte protette da copyright. Noi le acquistiamo e abbiamo le fatture di acquisto, se qualcuno le copia da noi sta violando il copyright dell’autore, che le ha concesse a me e non a chi le copia.

  37. Ciao sono un web designer volevo capire se posso inserire i loghi della adobe (photoshop e illustrator) sul mio sito per far capire di cosa si parla all’ interno……

  38. Salve,
    mi interesso da molto tempo di salute e cura della persona, in particolare di medicina alternativa e cure naturali.
    Da un po’ di tempo mi solletica l’idea di aprire un blog in cui tradurre e diffondere le notizie che leggo nel web che sono al 99% in lingua inglese.
    Gli articoli a cui mi riferisco sono quasi sempre frutto di uno studio scientifico e pubblicati sui siti più disparati, dal New York times ad un qualsiasi blog sulla salute.
    Anche in questo caso sarei vincolato al “diritto di corta citazione”?
    Quali comportamenti dovrei adottare per non commettere errori e rimanere nella legalità?

    Grazie

  39. ciao,
    stavo cercando informazioni sul copyright e sono approdata a questo articolo con molte informazioni utili e chiare e per le quali ti faccio senz’altro i complimenti.
    Però non mi pare di aver trovato quello che potrebbe sciogliere il mio dubbio, quindi anch’io ti faccio una domanda: ho fotografato dei libri e usato questa foto come copertina di un e-book. di 2 libri si vede la copertina, di uno intera e dell’altro no; di un terzo si legge una poesia; in più c’è un fiore (insomma è una composizione, una natura morta). però adesso mi chiedo se sto violando i diritti d’autore, magari non degli scrittori ma di chi ha composto le copertine. è così??
    molte grazie

      • Quindi, secondo te Nestore (se ho capito bene), la foto di una composizione contenente cose sottoposte a copyright è una violazione del copyright delle cose stesse… ma non può essere un’opera derivata, su cui il fotografo può far valere il proprio diritto d’autore?
        In fondo la composizione dei libri è frutto della creatività del fotografo… o no?
        Cioè Duchamp, che mette baffi alla Gioconda Leonardesca, avrebbe violato i diritti d’autore del Genio di Vinci? E quindi non è più un’opera d’arte di Duchamp, ma una violazione del diritto d’autore?
        Se fotografo la Sagrada Familia e la metto sul mio sito devo pagare i diritti a Gaudì?
        Se fotografo la mia scrivania, e poi nella foto si vede, la gomma col suo marchio staedtler, idem il lapis fila, idem la penna a sfera bic, poi c’è un foglio disegnato di mio pugno (però ho disegnato una sedia Wassily, cioè quella famosa in stile bauhaus di Brewer), poi c’è il cellulare col logo Samsung, il portatile che oltre al marchio Acer, ha pure l’etichetta Intel e infine il mouse Logitech…
        Insomma la mia fotografia, sta infrangendo il copyright di ogni singolo oggetto?
        Per non parlare del mio post, in cui accanto ad ogni marchio non ho scritto (TM) o (R) o (C) o vattelapesca…
        E poi (tanto per dire) mi è capitato di leggere una direttiva europea dove consideravano Kamut, come una parola di uso corrente e non un marchio registrato e ovviamente lo scrivevano minuscolo… Se questi quì scrivono le leggi, allora e normale che nessuno sappia come si deve fare in pratica…

        • ciao Lu, confermo che la foto di una composizione contenente cose sottoposte a copyright è una violazione del copyright delle cose stesse.
          Se Duchamp avesse messo i baffi ad un’opera sottoposta a copyright, avrebbe violato i diritti. Le opere di Leonardo sono di pubblico dominio, essendo passati più di 70 anni dalla loro creazione. Idem per la Sagrada Famiglia. Se però fotografi opere più recenti, ti può essere richiesto il pagamento di royalties, in determinate condizioni: leggi per esempio qui: Copyright and Architectural Photos.
          Se fotografi un ambiente dove ci sono oggetti sottoposto a copyright il concetto è diverso (troppo lungo da spiegare qui, ma credo intuitivo).
          Il discorso fondamentale è: quanto sei disposto a spendere di avvocati. Prova a fare un’opera mettendo i baffi ad un quadro di un contemporaneo, poi raccontaci 🙂
          Solo a titolo di esempio, Google ha dovuto rimuovere il doodle in omaggio a Mirò (aveva fatto la scritta Google in stile Mirò, e gli eredi e detentori dei diritti non hanno gradito).

  40. Ciao! Articolo super interessante. Ma personalmente a me, è sempre restato un grosso punto interrogativo in testa.
    Se io studio un argomento da diversi libri, quando poi vado a scrivere l’articolo (completamente rielaborato s’intende) di mio pugno, senza copiare alcuna parte dei libri letti, devo inserire le fonti del mio studio o no?
    Sinceramente per molte cose che oggi mi ritrovo a scrivere non ho bisogno di ristudiare o rileggere assolutamente niente, sono tutte cose immagazzinate nella mia mente. Sarebbe impossibile trovare le fonti di dove 10 anni fa ho letto questa o quella cosa.
    E poi infondo, qualsiasi cosa si impara in due modi: o con l’esperienza o con lo studio.

    O.o Non so se sono riuscita a spiegarmi. Ho fatto svariate ricerche su internet nel tempo, ma, o la cosa è spiegata con termini assurdi o niente.

    Grazie, ciao 🙂

  41. Sto preparando un giornalino con delle ricette copiate da vari siti internet da distribuire a 10.000 famiglie. Questo giornalino ha degli spazi pubblicitari che faccio pagare agli sponsor. Vorrei sapere se sto violando il copyright e se, per non violarlo è sufficiente pubblicare anche il link al sito dove ho preso la ricetta?
    Da quello che ho letto sembra che così sarei a posto.
    Grazie per la risposta.

    • La tua domanda è uno scherzo, vero?
      Quello che vuoi fare è totalmente illegale, verrai denunciato e sarai costretto a pagare spese legali, royalty e danni a tutti quelli a cui ha copiato le ricette. Inoltre, dato che non si tratta di un sito web ma di una pubblicazione cartacea, ci sarà la prova fisica che si tratta di un vero e proprio plagio, e non avrai alcun modo di cavartela.
      L’unico modo legale di procedere è quello di contattare i singoli autori, chiedere l’autorizzazione, se te la danno chiedere la tariffa, pagargliela e farti firmare la liberatoria.
      Ma come può venirti in mente che sia regolare guadagnare soldi utilizzando il lavoro degli altri?

  42. Ciao, sono una delle ultime arrivate e sono contenta di essere anch’io su ReteLab. Complimenti per la serietà con la quale vi distinguete.. Curo un blog di cinema, appena agli inizi, e ho già commesso alcuni errori. Vorrei una puntualizzazione, se possibile.
    La miniatura linkabile che rimanda alla pagina web, fonte dell’immagine, deve avere una misura precisa? Mi sto tenendo su immagini di circa 14 Kb (67×100 pixel). Può andare?
    Se voglio miniaturizzare la locandina di una pellicola ma non esiste un sito ufficiale del film, posso linkare la pagina Facebook di quel film? Comunemente si trova quella di “ufficiale”, nel caso non ci sia un vero sito della casa produttrice (questo capita se il film ha qualche anno per esempio).
    Posso inserire sul post il link della pagina con il trailer del sito ufficiale del film?

    Chiedo scusa per le diverse domande. Siete un punto di riferimento per i pivelli come me! 🙂 Saluto tutti, Manuela

    • Secondo me con quelle dimensioni è effettivamente una miniatura e non dovrebbero esserci problemi (ma è solo secondo me, dato che non esistono leggi precise). Tra l’altro le locandine e le copertine dei libri di solito sono create per essere condivise e rimandare al film o al libro… a rigor di legge sono opere di ingegno e protette da copyright,ma a rigor di logica sono nate per essere condivise.
      Per quanto riguarda i link, puoi linkare chi vuoi: la rete è nata per quello 🙂 – che io sappia è illegale solo pubblicare link a siti illegali (viene considerata una specie di istigazione a delinquere), ma non è certo questo il caso.

  43. Salve, ho un dubbio: io ho da poco aperto un blog in cui divulgo tutorial da tutto il mondo, in particolare tutorial di cucito e riciclo, premetto che metto sempre il link al tutorial, nel mio post metto la foto della creazione e sotto la foto specifico “potete trovare il tutorial qui”, in sostanza per vedere il tutorial fotografico o il video i miei lettori devono recarsi sul sito dell’autore dell’opera, Così è corretto? Grazie mille!

    • Ciao, secondo me dipende dalla dimensione delle immagini e dalla quantità di testo che quoti. La cosa migliore comunque è sempre chiedere l’autorizzazione ai proprietari dei siti.

  44. Salve Nestore, mi è chiaro che è possibile utilizzare immagini tutelate da diritto d’autore degradate, se il proprio blog non è a scopo di lucro (quindi che non abbia banner che consentano introiti o altre forme di guadagno), ma volevo chiedere, per non violare il diritto d’autore, si possono inserire nel proprio blog link/banner che rimandino a pagine web di attività commerciali (ad es, inserire il widget della pagina di facebook di un’attività commerciale di un amico), se non c’è alcuna forma di compenso? In qualche altro articolo ho letto che non si possono inserire banner commerciali, anche se non legati a ritorno economico diretto, ma mi sembra strano. Grazie e complimenti per gli interessanti articoli.

    • Ciao, sul tuo sito puoi mettere tutti i link e banner che vuoi, che siano retribuiti o no 🙂 – le uniche eccezioni potrebbero esserci se il tuo sito è su qualche piattaforma proprietaria: in quel caso devi rispettare le regole che ti vengono imposte.

  45. Ciao Nestore, complimenti per il sito e per questo post in particolare.
    Descrivo brevemente il mio caso particolare, da pochissimo tempo ho aperto una pagina Facebook con la quale condivido link, tratti un po’ da tutto il mondo Internet (comprese testate giornalistiche, siti di cucina etc.), questi, però non sono copiati e incollati semplicemente nello stato, ma vengono da me ridotti in lunghezza attraverso l’utilizzo di URL shortener utilizzandone uno in particolare che ti paga ogni volta che qualcuno ci clicca sopra per visualizzare il contenuto proposto, reindirizzando l’utente alla pagina di riferimento dopo aver visto una breve pubblicità. Facebook non riconosce la paternità del contenuto e richiede ogni qualvolta un codice di sicurezza captcha per postare il mio link accorciato e allo stesso modo richiede un codice di sicurezza a chi eventualmente volesse condividerlo.
    Aggiungo che il post è correlato da un’immagine che rappresenta il contenuto preso o da google o dalla pagina di riferimento, perché come ho detto questo particolare shortener, non è riconosciuto e quindi è caricata l’immagine come succede con qualsiasi altro link.
    Volevo capire, se cos facendo, ho violato interamente le leggi del copyright o se posso con qualche accorgimento rendere “legale” il mio intento.
    Se non mi fossi fatto capire, potrei utilizzare un esempio con URL creato.
    Grazie in anticipo

    • Ciao, è una situazione un po’ complicata. Così a occhio non mi sembra che ci siano illeciti: non copi nulla. Questo sistema però verrà ostacolato in ogni modo (come tu già mi confermi). Se si posta un link, deve essere il link a quella cosa, non il link a una pagina che punta ad un’altra pagina.

  46. Buona sera,
    sto per lanciare un nuovo sito che parlerà principalmente di moda. E’ un sito che non ha scopo di lucro e non ha nessuna pubblicità. Vorrei sapere se è possibile mettere delle immagini ridotte prese da altri siti. Grazie e complimenti per il vostro sito.

  47. Buongiorno a tutti.
    Io sto creando un sito(non blog) legato al settore auto in cui avrei intenzione di inserire i dati di vendita dei costruttori in tutti i paesi del mondo.
    Ad ogni stato verrebbe dedicata una pagina e la stessa cosa succederebbe per ogni costruttore.
    Ovviamente i dati li andrei a prendere dai siti delle varie associazioni automobilistiche dei vari paesi riportandoli su fogli excel che poi importerei nel sito sotto forma di HTML. In questo modo non ci sarebbe possibilità da parte di nessuno di scaricare i dati se non con un copi incolla ma potrebbe essere consultabile da chiunque.. Ovviamente farei sempre riferimento alla Home del sito da cui prendo i dati se possibile specificando anche che in quel sito si possono trovare anche atri dati sui modelli a cui io non sarei interessato.
    Vi chiedo se questa è una cosa possibile o meno. Vedo in giro alcuni siti o blog del settore che indicano la home della fonte e che riportano i dati nella propria pagina.
    Vi ringrazio anticipatamente per l’attenzione
    Saluti Roberto

  48. Domanda: se io, essendo interior designer per conto di un azienda di mobili, mette delle foto delle aziende dove ci forniamo (esempio Calligaris) all’interno del mio sito personale sotto la categoria “marchi” devo chiedere il permesso alla Calligaris per poter mettere una loro immagine con tanto di link da rimandare al loro sito o è possibile farlo senza alcun problema? 🙂 grazie

  49. Grazie Nestore delle risposte chiedo: posso scannerizzare una pagina di un libro ( riguarda informazioni di un paese con date e ricerche varie) e riportarla in una mia pagina di FB? – Debbo citare l’ autore, l’ editore ( il libro è del 1981 ed ha il Copiright – Proprietà letteraria riservata )? – La pagina l’ ho aperta a scopo di pubblico interesse ( per portare a conoscenza appunto un paese ). – Oppure non lo posso fare? – Grazie dell’ eventuale risposta.

  50. ciao, una curiosità, se voglio scrivere un articolo su argomenti presi da libri ma con parole mie e con miei commenti come dovrei muovermi? posso farlo?

  51. Buongiorno a tutti! Eccomi di nuovo con una domandina…

    Allora, avevo aperto un blog (investendo comunque denaro per l’acquisto) per creare una guida con screenshot di tutto il procedimento passo passo. Già che c’ero avevo scelto un nome che mi piaceva pensando potesse essere in futuro un progetto al quale avrai lavorato.

    Mi sono accorta pochi giorni fa che il nome del mio dominio “Donna Plus” era già stato utilizzato per uno prodotto da una casa che produce integratori alimentari. Ora io mi chiedo, posso avere problemi per questo, violo i diritti di queste persone?

    Scusate la banalità della domanda ma ormai sul settore copyright non sono sicura di niente!

    • Se il marchio è stato registrato (e nel caso di un prodotto è quasi certo che sia stato registrato), non puoi usarlo. Possono anche chiederti di cedere il dominio perchè essendo un marchio registrato non avevi diritto di registrarlo: se la registrazione del dominio è avvenuta prima della registrazione del marchio non possono pretendere che tu lo ceda, ma se è avvenuta dopo la registrazione del marchio da parte loro, ti consiglio vivamente di cederlo (o farlo scadere) e scegliere un altro nome di dominio.

  52. salve volevo sapere un info, ho creato una pagina su facebook che pubblica foto di uno dei cantanti di the voice of italy di cui sono fans, tutte le foto sono con il logo di rai 2 e ho solo aggiunto il nome della mia pagina, citando cmq la fonte..ho trovato foto molto belle sul sito della rai del programma ma non posso salvarle…se uso il tasto “stamp” e la copio su paint e cito la fonte dove le ho prese (foto solo del partecipante a cui è dedicata la pagina) incorro in problemi o comunque dato che cito la fonte non c’è alcun problema? ho provato a cercare le regole di copyright nel sito ma non le trovo, e nella pagina ho anche scritto chiaramente che la pagina funge come un ritrovo di fans senza scopo di lucro o di guadagni, ma solo per amore del partecipante e se sto violando delle regole che mi contattino pure e io non avrò problemi a chiudere la pagina o togliere qualcosa che non sta bene a loro..ho fatto bene? è la prima volta che creo una pagina dedicata ad un personaggio pubblico e non vorrei avere denunce 😀 spero che mi sai aiutare!

  53. Salve a tutti, avrei una domanda da farvi:
    sarei intenzionato a creare un gruppo privato/chiuso su facebook dove inserire diverse citazioni delle mie opere letterarie (opere che, almeno per il momento, non sono in vendita; quindi per il momento non collegabile allo scopo di lucro). Sotto ognuna di queste citazioni mi sarebbe piaciuto inserire delle immagini trovate sul web (trovate con comando ”cerca immagini” di google, quindi suppongo tutte immagini pubbliche) per creare una certa atmosfera (l’ho visto fare in diversi siti/gruppi/blog).
    Sto commettendo violazione secondo voi? Anche se il gruppo è chiuso e quindi il contesto è considerato ”privato”?
    Basterebbe specificare nel gruppo che io ho il copyright sulle frasi ma non sono il proprietario delle immagini?

    Eventualmente cosa rischierei? Me la caverei rimuovendo l’immagine sotto richiesta di possibili proprietari, o potrei andare direttamente su cose più gravi?

    Grazie in anticipo.

    • Le immagini trovate con Google “cerca immagini” non sono di uso pubblico, c’è anche scritto nei risultati delle ricerche. Il fatto che qualcuno metta delle immagini sul proprio sito, e che queste immagini siano visibili e ricercabili, non significa affatto che qualcuno se ne possa appropriare e usarle senza autorizzazione.
      Inoltre il fatto che tu abbia visto utilizzare immagini trovate sul web in altri siti/gruppi/blog non significa che tu sappia se e come sono state acquistate, se e come sono state autorizzate. Per esempio noi su tutti i siti del nostro network usiamo esclusivamente foto acquistate, fatte da noi o di cui abbiamo ottenuto la licenza d’uso.
      La cosa migliore è sempre utilizzare materiale con licenza creative common che autorizzi l’utilizzo, oppure foto proprie, oppure foto regolarmente acquistate: in questo modo non avrai alcun problema.

  54. Salve, sto cercando di pubblicare un blog magazine che si serva inizialmente di articoli catturati dalla rete per incrementare il traffico. Pensavoper ogni articolo di citarne la font e postare un link di reindirizzato all autore. È il caso di limitare l articolo a poche frasi… Oppure secondo voi potrei postare l intero articolo?

    • Ciao, non puoi assolutamente copiare l’intero articolo (a meno che tu non voglia una denuncia assicurata). Gli articoli sono tutelati dalla legge sul copyright, così come le immagini. Puoi riportarne solo alcune frasi.

  55. Buongiorno, ci servirebbe un vostro parere in fatto di trademark (marchio registrato) e se la legge sul trademark è uguale in tutto il mondo o cambia per l’Italia. Attualmente su questa questione abbiamo ricevuto solo avvisi via email, nessuna lettera fisica da parte della controparte lesa…

    Con alcuni collaboratori abbiamo creato il sito web [cancellato] .com come servizio di registrazione sottodomini (subdomains). In pratica si tratta di un sistema dove le persone possono creare liberamente sottodomini ed usarli per pubblicizzare altri siti, con l’indicizzazione sui motori di ricerca. Per esempio per farvi capire: pincopallo. [cancellato] .com, bellalavita. [cancellato] .com, provaprovatest . [cancellato] .com e cosi’ via… (sono esempi di sottodomini associati al nostro servizio)

    Non si tratta di una cosa nuova, perche’ in internet è pieno di servizi per registrare sottodomini. Il nostro sito web è uguale a tanti altri nella rete… niente di nuovo.

    IMPORTANTE: gli utenti quando registrano un sottodominio e lo associano ad un particolare servizio devono accettare le nostre regole (le regole del nostro servizio), ed in particolare rispettare trademark e similari. In caso contrario i sottodomini sospetti vengono prontamente cancellati da noi. Quando un sottodominio viene cancellato, digitando nuovamente il suo indirizzo si viene riportati alla nostra pagina principale (proprio perche’ il sottodominio non esiste piu’ )

    IL PROBLEMA capitato:
    un’azienda ci ha contattati parlando di una violazione del loro trademark (dicono che fanno azione legale contro noi) perche’ hanno trovato che in un nostro sottodominio [cancellato] .com erano contenute le parole del loro sito/trademark. Ovviamente noi abbiamo cancellato il sottodominio incriminato ed abbiamo anche avvisato l’azienda che era stato creato da un loro affiliato! (in pratica una persona che lavora per loro su internet con il loro programma d’affiliazione)

    COSA ABBIAMO FATTO (1):
    Abbiamo fornito prove (immagine del sottodominio cancellato) e risposto prontamente ai messaggi accusatori dell’azienda dicendo piu’ volte che il sottodominio incriminato non esiste piu’. Loro dicono che non è vero perche’ digitando nuovamente l’indirizzo del sottodominio si viene sempre portati alla pagina principale del nostro servizio (ma questo succede proprio perche’ non esiste piu’ il sottodominio e quindi l’hosting ti riporta normalmente alla nostra pagina web).

    ALTRA PROVA (2):
    se si prende il nome dell’azienda (le parole protette da trademark) e si prova ad usarle su altri servizi di registrazione sottodomini diversi dal nostro, si ottiene lo stesso risultato che capita con il nostro [cancellato] .com. E’ perfettamente normale perche’ infatti quando un sottodominio non è registrato da nessuno, il browser ti rimanda alla pagina iniziale del sito dicendoti che il sottodominio non esiste.

    Questo significa che dovrebbero accusare milioni di siti web che usano un metodo di registrazione sottodomini “basilare” come il nostro, e che a norma di legge NON stanno infrangendo alcun trademark (come anche noi non stiamo infrangendo nulla). I vostri pareri su questo caso? Grazie

    • Trovo inconcepibile che con un sito e un servizio come il vostro non abbiate deciso di avvalervi della consulenza di un avvocato. In casi come questo il consiglio è di non fare nulla se non si sa che cosa fare. Se si vogliono intraprendere azioni bisogna avere il supporto di un avvocato.
      Nel vostro caso inviando le prove dell’esistenza del sottodominio avete fatto un grossissimo favore alla controparte: non dovrà più investire risorse per dimostrare l’esistenza del sottodominio, perché le prove glie le avete fornite voi stessi facilitando enormemente la loro azione legale.
      Il fatto che esistano milioni di siti web che fanno qualcosa di illegale non toglie la responsabilità a chi fa qualcosa di illegale: per esempio milioni di siti web utilizzano foto senza autorizzazione, ma conosco diversi casi in cui il fotografo se ne è accorto, ha intrapreso azione legale e ottenuto risarcimento. Questo non significa che abbiate fatto qualcosa di illegale (lo stabiliranno gli avvocati), semplicemente significa che la responsabilità è sempre individuale, e il fatto che l’illegalità sia diffusa non è mai accettata come scusa.
      Altrimenti chi pagherebbe le tasse, per esempio, se come scusa si potesse usare il fatto che esistono milioni di evasori?
      Ho cancellato tutti i riferimenti al vostro sito perché è pieno di pop-up e richiede java, due cose che non sopporto nei siti web.

  56. Salve, ma se un immagine del castello di Roma presa da google immagini, senza un link o senza un logo è comunque protetta da copyright? Io ho letto che un immagine deve avere la firma/logo/link del proprietario per essere protetta e quindi non copiabile.
    Grazie per la risposta e distinti saluti.
    Paolo

    • L’immagine è sempre protetta da copyright, a meno che non sia ESPLICITAMENTE offerta come priva di copyright.
      Se tu la trovi sulla rete senza indicazioni, potrebbe comunque essere stata copiata senza autorizzazione, o qualcuno potrebbe aver rimosso la firma e averla reimmessa sulla rete, e il fotografo potrebbe inviarti comunque la richiesta di pagamento delle royalties. In ambito legale di solito il “non lo sapevo” non funziona 😉
      Se vuoi immagine open source, o creative common, devi cercarle in archivi appositi.

  57. Scusate, forse l’argomento è leggermente off-topic: è possibile pubblicare su internet il listino prezzi di alcuni esercizi commerciali senza il previo consenso? Da una parte credo che sia possibile in quanto il listino prezzi figura come offerta pubblica (ma potrei sbagliarmi); ma potrebbe anche essere il contrario…

    • Secondo me no, perchè se per esempio l’esercizio commerciale cambia il listino e tu hai ancora online quello vecchio, potrebbe accusarti (a ragione) di aver danneggiato il suo business.

  58. Ciao. Sono arrivato a questo post che non risponde alla mia necessità , ma leggendo ho capito che forse potete spiegarmi comunque alcune cose. Vorrei rivendere sul mio sito web capi di abbigliamento di marchi abbastanza conosciuti. chiaramente regolarmente acquistati dai fornitori ufficiali. La mie domanda è se sia legale o meno ? se sia legale che i loro prodotti appaiano in vendita nel mio sito online o se debba in qualche maniera risultare anche come fornitore ufficiale, o se debba pagare delle royalties all’azienda produttrice?

    • Se la tua azienda è legale certo che puoi vendere i prodotti di altri, lo fanno milioni di shop online nel mondo 🙂 Se invece sei un privato e vendi più di 500-1000 euro all’anno di roba online, aspettati la visita della finanza perchè la vendita online per i privati è concessa solo per esigenze personali (svuotare la cantina, vendere le proprie cose vecchie, etc). Se compri dalle aziende e rivendi ai privati, sei a tutti gli effetti un’attività commerciale.

  59. Ciao, mia figlia ha creato per la scuola un booktrailer. Per questo lavoro ha inserito un video scaricato dal sito dell’autore del libro modificandolo ed ha inserito della musica sempre scaricata. Alla fine ha citato tutte le fonti con relativi link. Il video che ha creato è destinato ad essere presentato a scuola e parteciperà ad un concorso tra scuole. In questo caso può rientrare nel fair use? “…..stabilisce che la riproduzione in copie o su supporto audio o con qualsiasi altro mezzo, a fini di critica, recensione, informazione, insegnamento (compresa la produzione di copie multiple per l’uso in classe), studio o ricerca, «non debba essere qualificato come reato».

    Grazie

    • Ciao, secondo me in questo caso non ne ha fatto una copia, ma lo ha modificato, quindi ci vuole il permesso dell’autore. E poi bisogna stare attenti al concetto di fair use: per esempio se fotocopi un libro di testo anzichè comprarlo, anche se è per uso didattico è illegale.
      Per la musica so che la SIAE ha un occhio di riguardo se si tratta di uso in locali scolastici e senza scopo di lucro: Diritti SIAE per gli spettacoli studenteschi
      Se verrà utilizzato a scopi didattici, solo all’interno della scuola, e non ha scopo di lucro (quindi anche il concorso non deve prevedere premi), secondo me è fair use. Però i confini sono sempre sfumati, quindi nel dubbio contatterei l’autore del libro o la casa editrice per avere un’autorizzazione.

  60. Non so se è pertinente la domanda ma in un sito privato si può mettere un widget che rimanda alla pagina FB di un comune ed in cui appaiono le foto di chi ha dato il proprio mi piace alla suddetta pagina ?

  61. Buongiorno a tutti,
    siccome ho paura di tutte queste leggi confuse a riguardo, ho deciso di aprire una pagina Facebook trasformandola in un blog. Vorrei parlare di moda uomo e utilizzare foto prese dal web scrivendo degli articoli sopra. Mi devo preoccupare di qualcosa anche su Facebook?

    • Certo, Facebook non è un’area franca 🙂 E’ consuetudine chiudere un occhio se si usa Facebook a livello personale, anche se si mette materiale protetto da copyright nella propria timeline (foto a risoluzione ridotta, citazioni, etc), ma molte pagine e account vengono chiusi per violazione di copyright. Esiste anche una pagina Facebook che spiega come comportarsi per segnalare violazioni: Segnalazione di violazioni di copyright.
      In ogni caso Facebook non è uno strumento adeguato a creare un blog: mancano funzioni di ricerca, non permette alcun tipo di customizzazione, non posso definire categorie e tag, non ho controllo sul codice, non posso mettere pubblicità, etc etc. quindi non è comunque una buona idea.

  62. Se scrivo una recensione di un libro su un blog e metto la foto della copertina é violazione?e ina locandina di film? O trailer youtube?

  63. Salve , posso recensire su youtube un articolo che ho acquistato? ad esempio posso parlare di un rasaerba e dare i miei pareri positivi o negativi?

  64. Buongiorno, mi sono informato in giro, ma continuo ad avere le idee un po’ confuse e dopo molte ricerche ho trovato solo questo posto dove chiedere chiarimenti sull’argomento. Avrei intenzione di aprire un sito .com che cataloghi certi mazzi di carte (quindi con foto e info di base).
    Mi chiedevo: è possibile includere molte immagini prese da un altro sito di catalogazione simile? Si tratterebbe sempre di scansioni di singole carte (già ritagliate sui bordi), quindi sono immagini a scopo documentativo (e non creative) per mostrare il dorso di un mazzo, il jolly o certe carte esemplificative.
    Credo sia un caso simile a cover di film o libri, però mi sembra di aver capito che le copertine di videogiochi, album, film ecc non sarebbero pubblicabili per questione di copyright (nonostante alla fine siano utilizzate da qualunque sito di recensioni), ma essendo il mio un sito .com avrei permessi superiori a causa della regola americana del “fair use”?

    E nel caso non potessi, il divieto non sarebbe “aggirabile” stampando quelle immagini e riscansionandole come se fossero scansioni di mie carte che possiedo? A quel punto un’anonima immagine di un dorso di una carta non potrà più essere ricondotta all’altro sito!
    Se invece fossero immagini liberamente riutilizzabili mi ritroverei a mia volta dall’altra parte della questione: ovvero mi potrebbe dare fastidio che in futuro qualcun’altro prenda tutte le scansioni di mie carte per riusarle in un suo catalogo, sfruttando il mio lavoro nello scansionarle.

    Posso farlo? Sono obbligato ad avere il permesso dall’altro sito o a citarne la provenienza?
    Ovviamente nel dubbio evito di utilizzarle, ma sarei interessato a sapere se è lecito, prima di chiedere eventualmente al proprietario dell’altro sito.
    Grazie in anticipo!

    • Perchè vuoi utilizzare le foto fatte da un’altra persona anzichè farne di tue?
      Per risparmiare soldi.
      Per lo stesso motivo ti darebbe fastidio se qualcuno sfruttasse il tuo tempo e il tuo denaro copiando senza autorizzazione ciò che hai realizzato.
      Quindi moralmente è sbagliato, e già questo dovrebbe essere sufficiente per non farlo.
      Legalmente non saprei, ma credo che se chi ha fatto le foto originali può dimostrare che ne hai ricavato guadagno o mancata spesa, può chiederti un risarcimento.

      • Forse se si fosse trattato di catalogare recenti copertine di libri credo ci sarebbero stati meno problemi che copiare immagini di rare carte da gioco vecchie di oltre 40 anni e non reperibili altrimenti.
        Comunque capisco, ancora grazie mille del chiarimento.

  65. Buongiorno,
    complimenti per la vostra continua assistenza in merito a quest’argomento. Stiamo creando un social network e abbiamo qualche domanda a riguardo:
    il sito prevede l’inserzione di filmati orginali di youtube, ovvero proprio il player di youtube inserito sul sito. Ci chiediamo se questo sarà possibile a livello legale, visto che stiamo creando questo sito con wix.com e c’è la possibilità di inserire filmati orginali da youtube.
    Questo Sito che stiamo creando sarà formato da note audio degli utenti che con la loro voce reale commenteranno il video di Youtube. Siccome noi dovremmo farci inviare tramite mail queste note audio e poi inserirle nel sito, volevamo sapere che tipo di autorizzazione dobbiamo farci rilasciare dagli utenti che ci inviano queste note audio per avere l’ok per pubblicarle sul sito. Soprattutto volevo sapere come proteggere la nostra creazione con un copyright. Vi ringraziamo per la Vostra attenzione. Saluti, Marco

  66. Buongiorno, interessantissimo articolo che mi ha chiarito un po’ le idee…
    avrei però qualche domanda di dettaglio.
    Da qualche tempo ho iniziato ad utilizzare slideshare per la pubblicazione di alcune presentazioni in powerpoint.
    Come sfondi delle presentazioni uso immagini reperite da Flickr con licenza creative commons, il mio dubbio è: se l’immagine in questione ha il vincolo di opera non derivata, una presentazione di powerpoint può essere considerata un’opera derivata?
    Inoltre se la presentazione in questione servisse per spiegare di cosa mi occupo professionalmente o se venisse utilizzata durante un corso di formazione, l’uso dell’immagine rientra “nei fini commerciali”?
    Boh?!?!?
    Grazie mille per la vostra risposta,
    Valeria

  67. Voglio farmi una domanda …..se prendo solo titolo e immagine di un articolo (repubblica)e viene inserito nel mio blog senza l intero articolo ma mettendo il link dove leggerlo ……posso farlo o rischio qualcosa?

  68. ho letto tutto , articolo e commenti ma mi sa che ho ancora dubbi, quindi vi chiedo, se apro un blog in cui sponsorizzo il madeinitaly (premettete che abito in Germania) ed uso immagini di terzi, piccoli o grandi brand, per creare dei collage é legale, in piú gni tanto modifico foto e le pubblico, ovviamente citando sempre la fonte e/o l´autore… ill mio dubbio nascedal momento in cui vorrei mettere pubblicitá sul sito. grazie in anticipo

  69. Complimenti, Nestore, per la chiarezza e la serietà delle informazioni fornite:
    Io da anni raccolgo citazioni per mio hobby personale, ho un database da me creato che ne contiene 200.000 nelle varie lingue, per parecchie di queste ho provveduto personalmente alla traduzione in italiano dallo spagnolo o dall’inglese o francese e tedesco.
    Si va dai classici latini agli scrittori contemporanei, frasi di film, etc.
    Da qualche tempo sono su Twitter e diffondo queste citazioni, sempre citando l’autore (se esiste) ma, a volte, per mancanza di spazio (limite dei 140 caratteri) non c’è posto per la firma e pubblico solo la citazione.
    Inoltre trovo sul Web, in lingua inglese, immagini di brevi frasi, o tweet, di cui manca l’autore e che sono rappresentati graficamente sotto forma di slide.
    Provvedo a tradurli e a twittarli a mia volta.
    Non manco mai di specificare che NON sono frasi mie, a volte includo tuttavia mie frasi, battute originali e, sempre per mancanza di spazi, ometto di firmarle.
    Da questa attività non traggo profitto alcuno, facendolo solo per la riflessione e lo svago mio e dei miei follower.
    Ma, dopo quanto ho letto su questa pagina, mi sorgono più dubbi.
    E se ho fatto qualcosa di illegale voglio porre FINE immediatamente a questa attività.
    Non avendo finalità economiche non ha senso fare qualcosa che è un reato.
    Succede anche che miei tweet vengano ripresi e twittati a loro volta senza che venga citata la fonte (almeno l’account Twitter originale).
    Come comportarsi?
    Grazie.

  70. Grazie per l’articolo, volevo chiedere come ci si deve comportare se si volesse caricare su youtube, ad uso didattico, una scena tratta da un film. Vale sempre l’articolo che hai citato per il web?

  71. Ciao, tempo fa una pagina facebook mi ha preso un’illustrazione sul mio blog e ripubblicata senza citarmi e aggiungendo una frase e il loro logo sopra. Ho segnalato la foto, ma non l’hanno rimossa. Gli ho scritto e dopo qualche giorno finalmente ho ricevuot risposta proponendo che in futuri link avrebbero messo il mio nome… Ho notato che prendono illustrazioni e video di altre persone mettendo il loro logo sopra. Ora a me sembra rubare. Mi domando è legale quello che fanno?

    • No, non è legale. Come ho scritto in questo articolo, e come puoi leggere su tanti articoli in rete, ognuno detiene i diritti sulle proprie opere, a meno che non si siano firmati accordi. Per esempio quando ci si iscrive ad un social solitamente si accetta di cedere i diritti al social, ma NON a chiunque acceda a quel social. Molti credono che siccome Facebook ha da noi l’autorizzazione ad utilizzare le nostre foto, allora siano autorizzati anche tutti gli utenti di Facebook, ma non è così.

  72. Salve. Sto lavorando all’apertura di un sito internet nel quale vengono inseriti i dipendenti (molto numerosi), ognuno con un suo profilo. Alcuni di loro mi hanno inviato il materiale da inserire, altri mi hanno mandato il link al loro sito personale per poter prelevare il materiale che mi serve. Facendo firmare una liberatoria che mi autorizzi a prelevare tale materiale sono a posto? Grazie!

    • Certo! Un blog è casa tua, e decidi tu chi può commentare, quali commenti approvare e quali non approvare. Così come un giornale decide quali lettere pubblicare, una trasmissione decide il suo palinsesto, e così via. Se qualcuno ci tiene in modo particolare ad esprimere la sua opinione, può farlo sulla sua pagina facebook, sul suo profilo twitter, o dove più gli aggrada, ma nessuno è obbligato a pubblicare cose di altri.

  73. Ciao, volevo chiedere info in merito alla possibilità di pubblicare un libro che tratti l’attività di altre persone.
    Ad es. se volessi pubblicare un libro di cucina con testi scritti da me ma che parla dei principali ristoranti e cuochi italiani, descrivendone la storia e tutte le varie info con anche magari foto dei piatti realizzati etc, quali adempimenti devo rispettare?
    Devo chiederne il permesso agli interessati e far firmare delle liberatorie o cose simili?

    Grazie

    • In linea di massima se le foto sono originali tue non dovrebbero esserci particolari adempimenti. Se però stiamo parlando di cuochi famosi, è possibile che abbiano brevettato procedimenti o piatti, o che possano legalmente impedire di fotografarli o pubblicarli.
      Se invece intendevi utilizzare foto reperite da altre fonti, quindi non scattate da te, è possibile sono se ne detieni l’autorizzazione scritta per gli usi che intendi farne.

  74. vorrei sapere se un sito che compara gli articoli dei quotidiani su un dato argomento, citandone “il succo” è legale o meno. Mi spiego con un esempio sciocco ma che rende l’idea: la gazzetta scrive una pagina intera sull’indiscrezione che il milan compra maradona, il corriere idem con il milan compra ronaldo. io riporto solamente giornale, giocatore, squadra.
    Questa “tabella” la aggiorno ogni weekend e poi a fine anno stilo la classifica delle cose azzeccate e non. Ovviamente il discorso è semplificato e non attinente al contenuto del sito, ma le modalità sarebbero quelle.

  75. Ciao , ho una domanda nel merito all’argomento sugli immagini)
    vorrei fare un sito che faccia dal calendario per gli eventi in citta’ in arrivo o in corso,
    in poche parole sarebbero delle schede degli eventi tatrali, musicali, fiere ecc, con un link per ogni evento che riporta alla pagina dell’organizzatore…Dunque, vorrei mettere in vista le immagini provveniente dai siti organizzatrici , es. locandine, foto dagli archivi del sito , dovrei chiedere il permesso?
    in fondo voglio solo dare la visibilita’ ai loro eventi…

    Vi ringrazio molto in anticipo per la risposta! Ci tengo davvero molto ad essa, in quanto riesco proprio inquadrare il mio idea )

    • In genere conviene che siano loro a mandarteli, come comunicati stampa, così legalmente sei a posto. Se li contatti sicuramente aggiungeranno il tuo indirizzo alla loro mailing list e riceverai regolarmente aggiornamenti e materiale da pubblicare.
      Prendere foto o immagini dagli archivi di altri siti non bisogna MAI farlo: non puoi sapere i tipi di accordi che ha il sito con i detentori di copyright, e potresti andare incontro a richiesta di eliminazione del materiale, richiesta di pagamento di royalties, o anche denunce.

      • Ciao Nestore, grazie mille per il tuo articolo, che rappresenta anche un utilissimo riepilogo. Sono arrivato su questa pagina dopo una lunghissima ricerca sui diritti d’autore relativi ai comunicati stampa e devo dire che non ho trovato molte informazioni. Anch’io sono in condizioni simili a quelle di abrakadabra, quindi prima di intraprendere qualsiasi strada vorrei essere certo di non incappare in problemi legali. Quindi se ricevo email da associazioni, enti, etc. con comunicati stampa e associate immagini posso pubblicare il tutto tranquillamente (magari citando la fonte)?
        Del resto il comunicato stampa è stato creato proprio a tale scopo. Il mio dubbio proviene però dal fatto che spesso soprattutto le immagini/foto sono inviate a cuor leggero da organizzazioni che nemmeno sanno che quelle immagini sono protette da diritto d’autore… cosa mi consigli a riguardo?
        Grazie anticipatamente

        • Hai individuato un problema interessante. Ovviamente i comunicati stampa sono fatti per essere pubblicati, ma se le foto sono state prese senza autorizzazione, il fatto di pubblicarle costituisce una violazione di copyright. Chi detiene i diritti quindi farà causa o chiederà risarcimento a chi le ha pubblicate.

          • Grazie per la risposta. Quindi le soluzioni sono due: non pubblicare niente di quello che riceviamo oppure farsi inviare una liberatoria firmata, anche se questa seconda strada la vedo molto tortuosa poichè nessuno (o pochi) invierà una liberatoria per la pubblicazione di un comunicato stampa…

            • La strada della liberatoria non è percorribile. L’unica è assumersi un po’ di rischio. Eventualmente prima di pubblicare si potrebbe chiedere via email in risposta al comunicato, se si è autorizzati a pubblicarlo sul proprio sito. In caso di risposta affermativa, chi ha mandato il comunicato e ha autorizzato alla pubblicazione se ne assume la responsabilità.

              • Si, concordo. Ovviamente le email che si ricevono con la solita frase “con preghiera di pubblicazione” riconoscono automaticamente la responsabilità di chi l’ha inviata, giusto?
                In quel caso suppongo non ci sia la necessità di chiedere l’autorizzazione.

  76. Se gestisco una pagina ufficiale del Blog del mio Paese, e iscrivo la pagina stessa ad un servizio che mi offre soldi in base ai click ricevuti sui link che loro mi propongono di pubblicare, a cosa vado incontro? Perché a livello legislativo, secondo me, non si potrebbe fare.

    • Sicuramente non è bello a livello etico. Inoltre per un blog di paese i guadagni sarebbero così bassi che ti metteresti in cattiva luce per guadagnare pochi centesimi al mese.
      Dal punto di vista legale dipende chi ci collabora e in che modo: se collaborano su base volontaria si aspetteranno che eventuali guadagni vadano a finire alla causa per cui stanno donando tempo e denaro.

  77. Ciao, vorrei avere un’informazione: è possibile realizzare una campagna social su una pagina aziendale utilizzando frasi/citazioni di personaggi noti?

  78. vorrei delucidazioni sull’argomento video da youtube, sono proprietario di un sito di promozione pubblicitaria di hotel e e villaggi vacanza, sarebbe utile per la mia attività commerciale pubblicare video che sono già su youtube, per ciascu villaggio o hotel li scaricherei e poi li ripubblicherei nel mio account, oltre che poi visualizzarli sui miei siti web. In questo modo l’utente/consumatore finale li potrebbe visualizzare e alla fine ne trarrebbe beneficio sia il sottoscritto sia la stessa struttura che promuovo. Per tutelearmi devo chiedere un’autorizzazione scritta al villaggio o all’hotel proprietario del video, è lui il possessore o, magari, chi lo ha prodotto? è sufficiente un’autorizzazione scritta tra le parti? e soprattutto questa auotrizzazione è necessaria o, forse, non commetterei alcuna violazione pubblicando e non chiedendo nè il consenso nè autorizzaione alcune? grazie per la rispoata/risposte che vorrete darmi…

    • Sicuramente devi chiedere l’autorizzazione, e non è detto che ti venga rilasciata. Potrebbero esserci motivi legali, commerciali, di altri accordi tra parti, etc, che non rendono conveniente al titolare di copyright rilasciarti l’autorizzazione.

  79. Salve, complimenti prima di tutto per l’esaustivo articolo. Volevo gentilmente porre la seguente domanda: è possibile realizzare un sito contenente un database di aziende? Le informazioni da inserire in ogni singola scheda azienda saranno: foto, indirizzo, telefono, ecc.

    Secondo lei è possibile realizzarlo senza violare la privacy? Cosa ne pensa se la scheda azienda contiene solo foto, indirizzo e telefono con le ultime 3 cifre oscurate?
    Grazie e buona giornata
    Luciano

  80. Ciao Nestore,sono Paul . Vorrei postare libri e conferenze di un sito USA . Loro hanno
    il fair use,quindi sono materiali presi da altri siti . Se questo sito,mi dice che
    posso usare i loro materiali,e li post in Italia per critica,discusione,insegnamento e
    non per lucro,cosa rischio ?
    Invece se prendo quel testo pubblicato in Italia,e lo post un capitolo alla volta e lo si
    discute ecc,intervallato da miei commenti,è possibile ?
    Sapevo che di uno scrittore,si puo usare liberamente il 15% ti risulta ?
    Questa storia della citazione è poca cosa . Esistono dei parametri ?
    Di un libro,ad esempio,se devo citarlo,quanto di esso posso citare ?
    Una pagina,un capitolo ?
    E esiste un modo per… licenza creative commons ad esempio,può dare
    questa free ?
    Grazie per la risposta,mi informo prima di auto rovinarmi . Vedo molti blog
    in Italia che postano questi testi,o intere conferenze,e senza linkare un bel
    niente,citano solo l’autore .
    Puoi darmi qualche consiglio ? Grazie .
    Paul

  81. Io ho una domanda: ma se scrivo un testo di una mia canzone su facebook, essendo il testo non ancora registrato da nessuna parte, altre persone potrebbero spacciarlo per loro senza problemi? O dal momento che lo scrivo sul mio profilo (con data e quant’altro) posso dire di averlo scritto prima io?

    • Ci sono vari sistemi per garantire la paternità:
      – spedirsi il testo firmato con raccomandata e lasciare la busta chiusa;
      – metterlo in una busta sigillata e farsi vidimare la busta all’ufficio postale;
      – utilizzare kit di firma digitale / data certa;
      – spedirselo tramite pec;
      – etc

      Il fatto di metterlo sul proprio profilo è sicuramente una prova, ma secondo me più blanda perchè le date sono modificabili (è anche possibile verificare che sono state manipolate quindi di solito la verità emerge, ma può essere più costoso o più lungo).

  82. Ciao Nestore,grazie per la risposta . Il secondo post è incasinato…
    è che cerco di capire e trovare una soluzione .
    Se puoi quando hai tempo,farmi sapere qualcosa su :
    1) Esiste una legge che dice che si può usare il 15% di un autore ?
    2) Se un blog USA,(loro usano il fair use) e per ipotesi,loro creano
    un nuovo blog li in america,ma gestito in Italia,traducendo i
    libri e altro,questo è in contrasto con le nostre leggi ?

    Dovrebbe a ragion di logica,risultare un blog USA .
    Come vedi cerco, e gira e rigira ho trovato anche una
    soluzione,ma preferirei la 2) se non mi scontro con le
    nostre leggi .
    Grazie per gli articoli .

    • Scusa, ma ragionaci un po’: ti sembra moralmente ed eticamente giusto utilizzare il 15% dell’opera di qualcun altro senza interpellarlo e senza dovergli niente?
      Dato che è sbagliato, non esiste alcuna legge che lo supporti. Ti stai confondendo con La legge n.633/41 sul diritto d’autore, che all’articolo 68 (come modificato dalla legge 248/2000) disciplina la reprografia, cioè la riproduzione delle opere dell’ingegno mediante fotocopia, xerocopia o simili. Ne parlano qui: http://goo.gl/CBnZfB . Tale legge parla della possibilità di fotocopiare, per uso esclusivamente privato, fino al 15% di un opera, pagando comunque una royalty.
      E se lo fai negli USA è ancora peggio: per fair use non si intende certo la copia del 15% di un’opera.
      Se ritieni di poter fare business con il lavoro di qualcun altro, dovrai contattare l’autore e trovare un accordo. Questa è l’unica soluzione logica, onesta e sensata.

  83. Ciao a tutti io avrei due domande!
    1) ho letto su diversi articoli che l’embedding non costituisce reato così come stabilito dalla corte di Giustizia dell’Unione Europea. Confermate che anche qui in Italia non si faranno storie??
    2) se recensisco delle serie tv e magari su ogni puntata inserisco degli screenshot delle scene di 300 x 200 è una violazione?

    Faccio queste domande perché in futuro mi piacerebbe comprarmi il dominio e provare a guadagnarci qualcosa con google adsense e affiliazioni.
    Vi ringrazio molto per la disponibilità.

    • Ciao,
      ti rispondo per quanto ne so io (non sono un avvocato).
      1) “Embedding” è un termine troppo generico. Il caso di cui parli fa riferimento a youtube, e ha stabilito che se io embeddo un video che youtube ha reso embeddabile non faccio reato. punto. tutto il resto è da valutare. E non è detto che si possano verificare casi in cui faccio comunque reato, perchè magari c’è qualche differenza rispetto al caso oggetto della decisione della corte europea.
      2) se ne è parlato a volontà e i pareri sono discordanti. Non conosco la risposta definitiva. Posso dirti però che se scrivi alle redazioni spesso hanno a disposizione materiale molto migliore degli screenshot, e te lo forniscono gratuitamente e legalmente eprchè sono liete che se ne parli.
      Se vuoi comprare un dominio e provare a guadagnarci, dovrai scrivere contenuti originali e usare foto di cui detieni i diritti.

  84. ciao, complimentissimi per tutto. Avrei tante domande da farvi. Una per esempio non riesco mai a valutare: in un libro quante frasi è possibile riportare da testi di canzoni? E quante devono essere vecchie per poterne riportare molte frasi (ovviamente mettendo autore e titolo)?
    Le cover come mai non hanno problemi di copyright?
    In un libro si può riassuntare brevemente una scena di un film o un film citando il titolo?
    Grazie e spero di non aver fatto domande sciocche.

    • Ciao, rispondo velocemente alle tue domande per quanto ne so io.

      1) in un libro quante frasi è possibile riportare da testi di canzoni?
      Dipende dall’uso che ne devi fare. Prova a leggere qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Diritto_di_citazione

      2) E quante devono essere vecchie per poterne riportare molte frasi (ovviamente mettendo autore e titolo)?
      Attualmente la durata del copyright per le canzoni è di 70 anni.

      3) Le cover come mai non hanno problemi di copyright?
      Perchè pagano i diritti d’autore.

      4) In un libro si può riassumere brevemente una scena di un film o un film citando il titolo?
      Se è una tua rielaborazione, ovvero riassunto, non dovrebbero esserci problemi. Se invece citi, ricadi nell’articolo che ho linkato sopra.

      • Capisco. Quindi si possono citare fino a 1500 caratteri o capisco male? Se per spiegare un qualcosa me ne servono di più di frasi di quella canzone che faccio?

  85. Ciao Nestore,hai frainteso le mie due domande . Avendo fatto parte di un associazione,
    questa usava intere parti di pubblicazioni di altri,chiesi spiegazioni . Il responsabile mi
    rispose che per legge si poteva usare il 15% senza chiedere permessi o altro . E non
    solo ad uso personale,ma anche per fare fotocopie,ecc . Ti mando la legge,puoi darci
    un occhiata se ti risulta ancora in vigore,grazie .

    Libere utilizzazioni. – Quale che sia il tipo di diritto di autore
    sussistente, l’ordinamento riconosce ai terzi alcune libere
    utilizzazioni delle opere tutelate. Si tratta di facoltà , tassativamente
    indicate agli art. 65-71 octies l. 633/1941, realizzabili a prescindere
    dall’autorizzazione del titolare della tutela, e votate a salvaguardare
    interessi superiori e generali, quali per es. il diritto di cronaca, di
    informazione o all’educazione. Tra queste si segnala quella di poter
    riprodurre per uso personale, e per mezzo di fotocopia o sistema
    analogo, al massimo il 15% del contenuto di un volume o di un fascicolo
    di periodico, escluse le pagine di pubblicità .

    Se risulta in questo modo,ad esempio,nel blog si potrebbe postare il 15%,
    sotto la dicitura : o sistema analogo, mi sbaglio ?
    Fammi sapere .

  86. Ciao a tutti! Ho un problema che mi insegue da una anno e non riesco a trovare qualcuno che mi dia un risposta soddisfacente. Spero in Voi 🙂
    Giusto un anno fa sono stata contatta da una fotografa per fare da modella per un’azienda.
    Ovviamente ho accettato, ho presentato il preventivo alla cliente ed è stato accettato, fin qui tutto bene. Alla cliente gli è piaciuto molto il primo shooting che abbiamo fatto ed ha voluto che io le facessi da modella anche per la seconda campagna. Quindi abbiamo realizzato due shooting in giro di 15 gg. Tutti belli e contenti, fino a quando ho presentato la fattura alla cliente. Non mi ha mai risposto, o se mi rispondeva mi diceva che lei non ha chiesto un servizio del genere e che le foto non sono come lei le voleva. Quindi ho detto amen è una cliente che non ama pagare i lavori che vengono fatti per lei e non ho mai voluto andare per vie legali in quanto il gioco non valeva la candela e non volevo perdere altro tempo con persone del genere.

    Qualche mese fa su facebook ho trovato nel suggerimento delle amicizie il profilo dell’azienda, entro e faccio un giro sul profilo curiosando se mai ha pubblicato le mie foto. Ho avuto una bellissima sorpresa, l’azienda ha usato le mie immagini facendo cartellonistica pubblicitaria per eventi e fiere in giro per il mondo.
    Secondo il Vostro parere e l’esperienza nel campo come mi dovrei comportare? Vorrei precisare che mi sono messa in contatto con un avvocato che però mi ha sconsigliato di farle causa (non capisco il perchè)… forse sono amici di famiglia 🙂 Vorrei trovarne un altro che sia bello sveglio e che sappi fare il suo lavoro ma non ne trovo 🙁

    Attendo una Vostra risposta, in caso fosse qualcuno esperto in diritto di immagine privacy ecc..

    Vi ringrazio anticipatamente.
    I.

  87. salve Nestore,
    complimenti per l’articolo e le varie risposte ai commenti nel tempo!
    Quanto a me vorrei pubblicare dei video su youtube (monetizzandoli) in cui recensisco e faccio vedere il funzionamento di beni soggetti a marchio, i quali possono essere un Ipod, un cellulare Galaxy o una bottiglietta di CocaCola.
    Da questo link (http://www.registrailtuomarchio.it/leggi) ho letto che è legale, si veda l’articolo bis.
    Ma mi chiedo: vale solo per l’Italia o anche per il resto del mondo, dato che le mie recensioni saranno in inglese e quindi per un target globale?
    thankyou…..:)

  88. Quindi se io posto delle cartoline vecchie, copiate allo scanner, e dico la provenienza o il luogo che rappresenta, non ci sarebbero problemi oppure si?

    • Il copyright dura 70 anni, quindi se le cartoline sono più vecchie di 70 anni non ci sono problemi. Se sono più recenti il copyright è detenuto ancora dall’autore.

    • Ciao, al momento purtroppo presi da altre cose non abbiamo fatto passi avanti nel glossario. Se hai qualche domanda particolare mandaci una richiesta tramite form, cercheremo di risponderti.

  89. Salve, su un gruppo chiuso Facebook pubblico giornalmente la pagina sportiva (scannerizzata per intero ….. completa di testata, articoli firmati e eventuali foto) di un quotidiano cartaceo locale. Su questa pagina partono di conseguenza i commenti e le argomentazioni degli appartenenti al gruppo, i quali penso abbiano anche la possibilità di condividere su altre pagine. Di solito la pubblico in tarda mattinata pensando così di non danneggiare la vendita in edicola.
    Ora mi viene il sospetto che possa violare la copyright del quotidiano
    Attendo la risposta grazie

  90. Molto interessante, informazioni utilissime!

    Per quanto riguarda la possibilità di inserire un embedded audio di una radio sul mio social, come mi dovrei comportare dal punto di vista della legge? Bisogna chiedere permesso o pagare i diritti?

    Grazie mille!

  91. Domanda: è possibile inserire nel proprio blog una serie di indirizzi di attività che trovo su altri siti o google maps? Ad esempio, se volessi inserire i nomi e gli indirizzi di tutti i ristoranti nella mia città, devo chiedere il consenso? Grazie

  92. Ciao, ho letto il tuo articolo ma ho un dubbio su un piccolo progetto che avrei in mente.
    Vorrei fare dei video di cucina (su Youtube), riproducendo tutte le ricette di un libro di uno chef. E’ una cosa legale o è una violazione? In caso fosse una violazione, vale lo stesso anche se facessi i video senza dare le dosi precise delle ricette? Intanto grazie!

  93. Ciao, io sto per pubblicare sullo store Apple una app. In questa app, assolutamente free, c’è una sezione dove è possibile consultare (SOLO CONSULTARE!) le immagini di carte geologiche e note illustrative presenti e visualizzatili gratuitamente sul sito ISPRA.

    Naturalmente le immagini (carte geologiche e note illustrative) che ho inserito per il funzionamento dell’applicazione le ho prima acquistate in formato cartaceo e gli scan sono stati inseriti nel binario della app (non sono raggiungibili in alcun modo e non sono scaricabili dal dispositivo) per facilitare la visione sul dispositivo anche quando non si è connessi ad internet.

    Nella descrizione viene citata la fonte da cui sono tratte queste immagini.

    Secondo voi questo tipo di utilizzo:
    – app gratuita
    – CONSULTAZIONE di immagini che sono liberamente visionabili anche sul loro sito
    – la fonte viene citata

    Può essere considerato un reato?
    Grazie per l’aiuto

    Ciao

  94. Io e un mio amico vorremmo aprire un social network, ma per poterlo aprire avremmo bisogno di essere finanziati su siti come Kickstarter. È possibile che ci copino l’idea pubblicando il nostro progetto su quel sito?
    Grazie mille in anticipo.

    • Se hai paura che ti copino l’idea, vuol dire che non hai niente da copiare.
      Quello che vale è l’implementazione dell’idea, la capacità di realizzarla, non l’idea in sè.

  95. Ciao, grazie dell’articolo. Ho una domanda:
    Se su un sito di tua proprietà hai degli articoli di altre persone che poi ti richiedono di toglierli.. Sono obbligato alla rimozione ?
    Mi avevano detto che loro ne detenevano “i diritti”. Ma se avevano accettato di pubblicarli sul mio sito, non diventano mia proprietà ? Grazie mille !

    • Dipende dal contratto che hanno stipulato le parti. Se gli autori ne detengono i diritti e il sito non è autorizzato alla pubblicazione, non credo proprio che possa rifiutare di toglierli.

  96. ciao a tutti , ho una domanda per voi : devo pubblicare delle recensioni di diversi film correlate ovviamente da immagini. come mi devo muovere? devo contattare gli uffici stampa per avere il permesso per la specifica immagine ? o basta il press book ? grazie fin d’ora a chi mi risponderà!

  97. Io avrei una domanda! Posso copiare un testo integrale distribuito con licenza Creative Commons indicando la fonte? Non voglio avere problemi .

  98. Salve, innanzitutto grazie per il vostro aiuto, siete fantastici. Avrei da fare qualche domanda, io ho un blog dove pubblico le mie nail art, da poco ne ho fatta una ispirata alla copertina di un libro e una alla locandina di un film. Posso pubblicare la foto delle mie unghie accanto a una della copertina\locandina? E se posso, devo chiedere il permesso a qualcuno? Tra l’altro, il libro in questione io lo possiedo, potrei pubblicare una foto scattata da me della mia mano sopra alla copertina della mia copia? Grazie in anticipo per l’aiuto.

    • Non puoi utilizzare materiale protetto da copyright senza autorizzazione, ci sono molti articoli in merito, anche specifici per la nail art, per esempio questo: http://www.nailsmag.com/article/310/making-sure-your-nail-art-is-legal
      Per fare le cose bene devi ottenere autorizzazione.
      Per quanto riguarda il libro: il fatto che tu lopossieda non ti dà diritti di copyright, ma solo di leggerlo 🙂
      Quindi per fare le cose bene dovresti ottenere autorizzazione per due attività:
      – realizzazione nail art con materiale protetto da copyright;
      – pubblicazione del materiale sul tuo blog.

  99. Salve a tutti, tempo fa, sono stati prelevati dal mio sito, alcune file PDF di riviste scansionate da me, e un sito che gestisco senza alcuno scopo di lucro, e libero, e tutto scaricabile, e solo per preservare delle riviste da edicola, e ovvio, che non sono di mia propietà, e successo, che ho trovato alcuni pdf miei su un’altro sito, sono stati inseriti la proveniente dei file del mio sito, però non mi va bene la cosa, ho contattato il sito, ma dice che lo puoi fare, anche senza autorizzazione da me, volevo sapere, potrei fare qualcosa ? grazie

    • Non puoi scansionare riviste, trasformarle in pdf e renderle disponibili sul tuo sito. è illegale, e sei denunciabile per violazione del copyright.
      Anche chi ha preso le riviste da te e le ha pubblicate è denunciabile, non certo da te, ma dal detentore del copyright, ovvero la casa editrice della rivista.

      • grazie dell’informazione, beh effettivamente si va, nell’illegalità, anche se le riviste hanno 30 anni, ci vuole l’autorizzazione dell’editore, Beh la storia non è propio cosi, e l’inverso, ehhheh era solo per capire bene, in pratica, un sito, mi ha autorizzato ad inserire delle riviste scansionate, anche perchè io ero un collaboratore anche di questo sito, poi tutto di un tratto mi ha cacciato, e preteso che togliessi le riviste senza un motivo, io ho detto, non lo faccio, perchè non è giusto, poi lui ha detto ti denuncio, chiamo gli avvocati e altro, e poi tante belle paroline scritte, alla fine ho dovuto togliere le riviste, perchè mi stava screditando sulla rete, dicendo poi praticamente tante cattiverie e cose completamente false, che io non ho fatto, questo purtroppo e il mondo di alcuni, dimenticavo, quando diceva le cose cattive, io non potevo replicare, perchè bloccato nel scrivere, vabbe grazie della risposta

  100. Ciao, grazie dell’articolo davvero utile, vorrei porre due semplici domande:
    Le immagini free cc0 possono essere modificate magari inserendo anche il proprio logo?
    Ci sono siti appositi dove si trovano appunto immagini cc0, questa è una garanzia e si può essere sicuri che siano effettivamente cc0? Grazie in anticipo

    • Devi leggere la licenza: la maggior parte di CC non sono modificabili.
      Inserire il proprio logo mi sembra eccessivo: l’attribuzione è sempre dovuta. In ogni caso anche quelle che permettono le modifiche richiedono che poi le immagini da te modificate siano rese CC.
      Per quanto riguarda la garanzia che le immagini siano davvero CC: non puoi esserne mai sicura, devi andare solo su siti conosciuti e affidabili: a livello teorico uno può prendere le foto di Oliviero Toscani, metterle su un sito e dire che sono creative commons: poi quando arriverà la lettera dell’avvocato deciderete come suddividervi le spese e le responsabilità penali tra chi ha fatto il sito e chi ha usato le foto 🙂

  101. Ciao, una domanda, i nomi di città e stati (Francia, Japan, Stati Uniti, New York, Londra, Melbourne ad esempio etc etc) li posso scrivere in una mia opera qualsiasi essa sia (libro,sito,film,videogame etc) o sono coperti da un qualche tipo di copyright? Non ho trovato nulla in internet a riguardo

    Grazie in anticipo

    • Per quanto ne so i nomi geografici non possono essere registrati, ma possono essere parte di un marchio registrato (“I Love New York”,”Londra 2012″, etc.), quindi bisogna fare attenzione a quello. Leggevo anche di un caso in cui non è stato concesso l’utilizzo della parola Yale (riferito all’università), perchè in quel contesto è un marchio registrato, mentre non si può impedire di utilizzare il nome della città Yale.
      Quindi se i nomi di località vengono usati nel loro contesto e significato originale non credo che ci possano essere problemi. Milioni di libri ambientano le loro storie in posti realmente esistenti 🙂

  102. Ciao Nestore, complimenti per tutto.

    Dopo essermi letto tutti i commenti che più o meno c’entravano con il dubbio che avevo in testa, non ne sono comunque venuto a capo e quindi provo a chiedere a te, ringraziandoti in anticipo per il tuo tempo.

    Il problema è questo: devo inserire nel mio blog, che utilizzo a scopo commerciale, un video di youtube che recensisce il prodotto che io promuovo sul mio sito. Leggendo le tue risposte ai commenti precedenti mi verrebbe da pensare: ” No, non posso inserirlo perché starei utilizzando un lavoro di un qualcun altro per interessi personali a scopo di lucro”.

    Però se vado su Youtube, nella sezione termini di servizio, al punto

    “5. Limiti generali sull’utilizzo” trovo scritto:

    E. non è consentito usare il Servizio (incluso YouTube Player) per alcuno dei seguenti usi commerciali, senza la previa autorizzazione scritta di YouTube:

    iii. la vendita di pubblicità, sponsorizzazioni o promozioni su qualunque pagina di un blog abilitato agli annunci pubblicitari o di un sito web contenente i Contenuti diffusi attraverso il Servizio, fatto salvo il caso in cui materiali diversi, ottenuti non a mezzo di YouTube, appaiano nella stessa pagina e abbiano un valore tale da giustificare tali vendite.

    Leggendo questo mi viene da pensare che l’inserimento di un solo video a scopo dimostrativo sia possibile, se pubblicato però, insieme ad altro materiale realizzato da me come articoli, foto, video e che abbia nel suo insieme un valore tale da giustificare tali vendite.

    Sto sbagliando o posso inserirlo con tranquillità?

    Grazie mille se vorrai rispondermi.

    • A mio parere la parte che citi serve solo ad evitare che qualcuno utilizzi i video youtube per fare una sorta di minisito youtube, senza altri contenuti aggiuntivi a parte i video. Per esempio se faccio un sito che come unico contenuto ha dei video youtube, e aggiungo solo pubblicità per guadagnare, è vietato. Ma dato che youtube incoraggia la condivisione fornendo link di incorporamento, solitamente inserire video nel proprio sito è consentito.
      In linea di massima quindi se il video ha il pulsante di condivisione abilitato, DOVREBBE essere scontato che chi lo ha fornito e ne detiene i diritti permette di condividerlo e incorporarlo. Però ci sono dei casi in cui i detentori di copyright hanno denunciato degli utilizzatori, dicendo di “non sapere che fosse possibile disabilitare la condivisione”.
      Quindi io procederei cautamente:
      1) guarda sulla pagina del video se è presente il pulsante di condivisione: se è disabilitato, vuol dire che ovviamente non puoi condividerlo: anche se tecnicamente è facile, legalmente non è permesso;
      2) Se i pulsanti di incorporamento sono abilitati, leggi se chi lo ha pubblicato e ne detiene il copyright fornisce informazioni aggiuntive: se c’è scritto: “vietato condividere etc etc”, allora devi rispettare quello che dice;
      3) Se la condivisione è abilitata e non ci sono informazioni aggiuntive che lo vietano, prova a contattare chi lo ha fatto. Nella maggior parte dei casi sarà ben contento, perchè le visualizzazioni aumentano i guadagni e la popolarità: se però non te lo permette o richiede una royalty, dovrete accordarvi.

      • Ciao Nestore ho letto tutti i commenti e mi sembra di aver capito che si può incorporare sulla propria web tv un video di You Tube, basta che ci sia la possibilità di condivisione tramite un tasto.
        Premetto una cosa se la mia web tv non è registrata alla SIAE so che non posso trasmettere musica coperta da copyright, però se carico un video su You Tube nel mio canale ufficiale un video fatto da me ripreso dalle mie telecamere con ad esempio persone che ballano una canzone coperta dal diritto d’autore e vado ad incorporare questo video nella mia web tv, incorro in problematiche di copyright?, oppure siccome il video è caricato su You Tube è lo stesso You Tube a pagare la licenza della canzone cosa che sappiamo tutti perchè You Tube è registrata alla SIAE e paga i diritti regolarmente. Se nella libreria musicale di You Tube c’è scritto che la canzone è stata concessa dal proprietario e visibile in tutto il mondo con banner pubblicitari che potrebbero apparire non incorro in problematiche di copyright? Per farla breve il video con le persone che ballano l’ho fatto io con le mie telecamere, la canzone no però se la canzone viene concessa su You Tube non dovrei avere problemi di copyright? In attesa di una risposta ti ringrazio anticipatamente e ti porgo distinti saluti

        • Non puoi usare musiche di cui non detieni i diritti.
          Se la musica è stata concessa dall’autore a youtube, puoi usarla, ma in alcuni casi i guadagni pubblicitari andranno all’autore della musica e non a te.
          Se la musica non è stata concessa, e chi ne detiene i diritti se ne accorge (e ormai se ne accorgono perchè fanno scansioni a tappeto), semplicemente l’avente diritto richiederà di passare i tuoi guadagni pubblicitari a lui, e la cosa verrà fatta automaticamente da youtube (ovvero i guadagni pubblicitari di quel video andranno all’autore del pezzo). In questo caso non sono escluse però conseguenze peggiori, come richiesta di rimozione del video, richiesta di pagamento royalties, etc, anche se in genere al massimo rimuovono il video.

  103. Ho una domanda per la quale non ho trovato delucidazioni nell’articolo.
    Se si fa parte di un forum privato di un’associazione e poi si viene estromessi dal forum e dall’associazione, si può chiedere la rimozione dei propri post scritti sul forum? Si hanno diritti d’autore su quei post che volevi far leggere ai tuoi coassociati, ma che non avresti mai scritto se non fossero stati coassociati e che ora tutti loro possono leggere e commentare tranne tu che non fai più parte dell’associazione e del forum ad essa legato?

  104. Buongiorno! Ho girato parecchio su internet tra copyright e fair use, ma non riesco a cavarne un ragno dal buco. Più che altro perché vorrei fare le cose in maniera onesta senza incorrere in problemi facilmente evitabili.
    Ho un blog di cucina, aperto su una nota piattaforma. Ogni tanto mi piace “uscire dal tema” aggiungendo delle recensioni di libri.
    Sul regolamento è riportato questo punto:
    5.2 Ciascun Materiale nella titolarità di terzi può essere utilizzato dall’Utente solo qualora quest’ultimo abbia acquisito, dal rispettivo titolare, i relativi diritti di utilizzazione (comprese le autorizzazioni degli eventuali titolari di diritti connessi e degli artisti, interpreti ed esecutori, laddove richieste). A tal proposito l’Utente si impegna ad acquisire e conservare copia scritta del contratto di cessione o di licenza o dell’autorizzazione all’uso del Materiale sottoscritta dal terzo titolare di tale Materiale (e degli eventuali ulteriori soggetti titolari di diritti connessi), impegnandosi a citare l’autore/titolare del Materiale e l’origine dell’autorizzazione all’uso dello stesso in tutti i casi richiesti dalla legge o da AlterVista. (http://it.altervista.org/regolamento.php)

    Ora, io ho scritto alle varie case editrici senza ricevere risposta, ma rileggendo la normativa mi è sorto il dubbio che non sia permesso pubblicare le copertine dei libri senza avere l’autorizzazione scritta, anche citando i proprietari dei diritti e tutto. Mi converrebbe esportare il blog dalla piattaforma di cucina, per poter aggiungere queste digressioni letterarie? Inoltre, se il blog contiene banner pubblicitari, allora si può definire utilizzo a scopo di lucro, giusto?

    Grazie mille in anticipo per la risposta, il post è molto esauriente, ma il tema è davvero complesso! :/

  105. Per un lavoro didattico fatto in classe (sono un’insegnante di scuola media) abbiamo realizzato, utilizzando E-pub editor, un e-book inserendo testi, immagini e video (YouTube, Ovopedia, Raiscuola). I testi sono per lo più “copia/incolla” (minima elaborazione in quanto già sintetici). Abbiamo citato la provenienza di testi e immagini apponendo il link se disponibile, ovvero citando l’opera di provenienza (testi scolastici, wikipedia, Treccani etc). Ora mi chiedo: se publicassimo l’e-book nel sito dell’Istituto, ovviamente non a scopo commerciale, ma solo per condividere con tutte le classi, la nostra esperienza, incorreremmo in violazione di copyright? Quanto ho letto fin’ora ha aumentato la mia confusione… Mi può aiutare! francesca muraro

  106. ciao,volevo aprire una pagina su instagram nella quale pubblico foto di film e ne faccio la recensione, il tutto ovviamente senza scopo di lucro. Così facendo vado a violare qualche copyright? le foto le possono prendere da internet senza problemi? grazie!

  107. Ciao a tutti, mi piacerebbe se qualcuno di voi mi rispondesse a queste domande che non mi stanno girando in testa e nel web non c’é nulla che soddisfi queste domande.
    Le domanlde sono riferite ad un blogt

    1)Posso nominare un marchio solo in formato scritto? (Es.: Apple vs Samsung pro e contro)

    2) Posso aggiungere l’immagine di copertina di un libro o film per recensirlo?

    3) Posso creare un articolo che parla di un marchio (es.: Facebook, youtube,…) e aggiungere un immagine del loro marchio per identificarlo piu facilmente?

    Attendo risposta mi aiutereste molto visto che non se ne parla tanto

  108. Buonasera

    intanto complimenti
    ho letto tutto con molta attenzione, ma non sono riuscita a chiarirmi le idee per cui vado ad esporre il quesito
    ho un piccolo caffè letterario e vorrei pubblicare sul mio sito le ultime uscite di libri con immagine della copertina, una piccola descrizione ed alcuni dati quali: genere, editore, collana, data di pubblicazione, numero di pagine, fascia d’età

    e’ possibile farlo liberamente oppure si incappa in qualcosa di “illegale” ?

    Ah ovviamente tutto questo senza scopo di lucro, ma solo come possibilità di dare informazioni

  109. Sto girando dei cortometraggi dove la location è sempre l’interno di un’edicola. Durante le riprese si vedono sempre le riviste. Ci sono problemi per questo? Grazie

  110. Salve,sono molto confuso su questo argomento, ma volevo chiedere se per i nomi e le foto dei calciatori ci fosse il copyright. Oppure su una semplice bandiera italiana.

  111. Volevo sapere una cosa è possibile linkare e condividere sulla propria web tv (non registrata alla SIAE) un video di You Tube ad esempio un video musicale senza incorrere in violazione del diritto d’autore?

  112. Complimenti per il sito e post e grazie dei contributi.
    cose interessanti che palesano anche la difficioltà dell’argomento e la ns allergia alle regole…
    cortesemente se qualcuno mi può rispondere: se ad una gara sportiva faccio una foto succede che l’atleta ha la sua tuta con vari marchi dei sui sponsor ma un marchio è il mio sponsor (l’ho pagato io) ed inoltre a bordo pista ci sono i cartelloni degli altri sponsor… una vero tripudio di pubblicità, ma quella foto l’ho fatta io ed un marchio sull’atleta è mio! posso pubblicarla sul mio sito senza chiedere il permesso a nessuno? grazie mille

  113. Ciao voglio, ideare e vendere all’estero un mio metodo di batteria formato pdf e video fatti da me, ovviamente vorrei proteggere la mia opera, ma con i miliardi di metodi esistenti al mondo, che poi alla fine sono sempre le stesse cose scritte in ordine diverso, come faccio ad essere sicuro che non sto commettendo un plagio o violando i diritti d’autore che poi mi chiedono danni?

    Io a casa ho un sacco di metodi per batteria, ma tanti sono scritti in modo praticamente identico, ma i proprietari delle opere son diversi, come mai non risulta plagio visto che sono uguali?

    Basta che prendo degli esercizi e li riscrivo in ordine diverso? non esiste un metodo unico alla fine son tutte copie di altri solo che c’è l’eccezione di alcune variazioni e li che fa la differenza ma io leggo quasi le stesse parti. La differenza del mio metodo non saranno gli esercizi scritti ma il concetto ed il modo di applicarli. Grazie per la risposta

  114. Buongiorno, volevo sapere se era possibile inserire come testo su una t-shirt il nome di un evento, il paese dove si svolge e l’anno in cui si svolge. Grazie

  115. Buongiorno, ho scritto e registrato una canzone sul film I PONTI DI MADISON COUNTY del 1995…posso utilizzare le scene del film e in sottofondo la mia canzone e pubblicare su youtube?…grazie

  116. Salve. Da poco ho un nuovo blog di giardinaggio, e volevo avere dei chiarimenti appunto per quanto riguarda i copyright.
    Ho pubblicato un articolo dove parlo di una pianta ovviamente il mio punto di vista, e dopo di che ho voluto spiegarne la ccoltivazione. In questo caso per parlare di provenienza, descrizione, e poi terreno esposizione ecc.. ho adoperato le mie enciclopedie di giardinaggio, e non ho copiato per filo e per segno, ho scritto a modo mio, comunque sia usando come traccia i questi libri. E ho poi aggiunto una parte dove parlano degli usi nel passato, di questa pianta, sempre non scrivendo per filo e per segno, ma questa ovviamente le parole son quelle del libro. Ora volevo sapere, poiché mi è venuto il sospetto dei copyright, cosa devo fare?? Aggiungo le fonti? E se le aggiungo non c’è problema. Insomma ti chiedo qualche consiglio utile, così da sapermi regolare in futuro. Grazie mille già da ora.

  117. Ciao secondo voi è illegale inserire, ad esempio alcuni screenshoot, circa una decina presi dalla serie televisiva Game of Throne dove vengono mostrate le varie acconciature capelli utilizzate?

  118. Buongiorno,

    vorrei sapere se esiste una normativa riguardo alla condivisione di conferenze di cui l’autore ha permesso la registrazione. Grazie mille!

  119. Ciao Nestore, prima di tutto complimenti per l’articolo.
    Vorrei esporre il mio caso un pò particolare:

    Ho un’azienda che si occupa di raccolta di materiali plastici (pet – hadpe) e alluminio (lattine) tramite conferimento dei cittadini in macchinari appositi.

    Sto realizzando il mio sito dove ci sarà una sezione “guida al riciclo” nella quale verra spiegato come riconoscere e distinguere i vari materiali plastici tra i tanti presenti in commercio per un corretto confermineto.

    Arrivo al dunque:
    In questa sezione vorrei far scorrere delle immagini di esempi di contenitori plastici (PET) presenti in commercio, quindi foto di bottiglie di bevande, flaconi di detersivi ecc. che riportano la marca del produttore.
    – Posso utilizzare queste immagini reperite su web?
    – Posso nel caso coprire la parte della marca utilizzando comunque l’immagine?
    – Se faccio io personalmete la foto di questi prodotti li posso riprodurre tranquillamente (la marca ci sarebbe comunque anche se la faccio io)

    Non devo vendere niente, ma solo dare indicazioni ” visive ” di come riconoscere i diversi materiali per un corretto conferimento.

    Spero di essermi spiegato al meglio.

    Grazie e complimenti ancora per il sito.

  120. Ciao Nestore,
    ho riletto più o meno tutto, ma continuo ad avere un grosso dubbio e ti chiedo cortesemente un parere.
    Sto sviluppando un blog e nel dominio cito nome e cognome di un personaggio di una serie televisiva.
    Poniamo ad esempio che io prenda un personaggio di Beautiful, Brooke Logan, e apra un blog che si chiama “adorobrookelogan.com”. Secondo te lo posso fare o potrei avere problemi?
    Ti ringrazio moltissimo per il tuo lavoro,
    Silvia

  121. Il testo è chiaro e la mia domanda, che sarebbe anche una mia richiesta, cosa devo fare per pubblicare in Internet delle relazioni scritte da me che trattano svariati argomenti e con il mio sito e chiedo se posso inserire il copyright su dette relazioni. Erano state pubblicate senza mia autorizzazione e addirittura in parte con modifica del titolo e in copyright. Ora vorrei pubblicarle tutte con il mio nome , che sono l’autore, il mio sito e simbolo del copyright. Vi chiedo cortesemente che procedura devo fare. Ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti. (se riscontraste articoli dallo stesso testo ma con titolo diverso e diverso il sito, vi prego di toglierle – Le mie sono originali)

    Aldo Celso Smaniotto

  122. Ciao, un utente ha copiato per intero un mio articolo sul suo blog ove ricava profitto con banner pubblicitari, ha aggiunto fotografie e colorato le scritte. Ha messo solo in fondo il link del mio blog. A quanto ho capito poteva fare o la condivisione del mio articolo o mettere un riassunto indicando il mio link che riportasse all’articolo per intero…quindi se non ho capito male sono nella ragione e vorrei chiedere i risarcimenti e l’adeguamento del suo post. Cosa mi consigli di fare?
    Grazie anticipatamente per la risposta.
    Serena.

  123. Salve, vorrei postare su internet degli appunti universitari che ho preso e integrato con immagini di libri di testo. Posso farlo? Non voglio guadagnarci, ma solamente diffondere qualcosa che se avessi avuto io mi avrebbe facilitato non poco la vita.
    Mi pareva che in caso di appunti o testo a scopo divulgativo si avesse diritto a un qualche tipo di agevolazione. Altrimenti come si spiegano i professori universitari che mettono immagini dei libri di testo nelle slide?

    • Se le immagini sono protette da copyright non puoi utilizzarle senza autorizzazione. Ance Wikipedia, per fare un esempio, è senza scopo di lucro e a scopo divulgativo, ma non può farlo. Per i docenti universitari che mettono immagini nelle slide: non posso sapere che tipo di accordo abbiano con i detentori di diritti. Anche io ho migliaia di immagini e foto nei miei siti, ma pago regolare licenza per ognuna, o ne ho i diritti per accordi e contratti di vario tipo.

  124. Ciao ragazzi e complimenti per il blog, scusate se uso questa sezione per chiedervi delle info, ma non ne ho trovata un altra. Mi trovato nella sezione riguardante la privacy sul web e mi piacerebbe avere alcune info a riguardo. Sto avviando un portale in stile TripAdvisor per la mia regione, dove persone possono cercare ristoranti, hotel, pub e cosi via..volevo sapere se per poter pubblicare tutte le info riguardo queste attività, come telefono, indirizzo, e-mail e magari anche 2 foto, devo chiedere espressamente il consenso ad ogni singolo locale o posso pubblicare tranquillamente le info gia pubblicate da loro in precedenza.

    Grazie in anticipo e scusate il disturbo

    Saluti Fabio

  125. Gestisco un portale turistico nella mia regione, non so cosa dica esattamente la legge, ma sono sicuro che se una struttura turistica, un pub o un ristorante decidono di farti rimuovere la pagina a loro dedicata, tu devi proprio farlo…
    Attenzione a non inserire in calce alla pagina dedicata o da qualche altra parte nella pagina dedicata, una tua mail o un tuo numero di telefono, altrimenti si profila anche l’ipotesi di truffa, ne ho una a carico…
    in genere però se il tuo scopo è fare promozione e inizi facendone praticamente gratis, solo un pazzo si prende la briga di contattarti per richiedere di rimuovere la pagina dedicata alla sua azienda.

    • Grazie Luca, utilissima la tua risposta, dato che sei del settore. Per queste tipologie di siti consiglio di avere un avvocato di fiducia sempre a disposizione, perché quando si recensiscono altre attività è facile che arrivino lettere di avvocati.
      Infatti il punto non è se si ha diritto o no di fare qualcosa: è quanto si ha voglia di affrontare un’azione legale. Spesso la via più semplice, a ragione o a torto, è ottemperare alla richiesta e rimuovere la pagina.

  126. Salve, possiedo degli appunti universitari fatti da me e integrati con numerose immagini protette da copyright e prese da libri (senza le quali gli appunti sono inutili). Vorrei pubblicarli in rete gratuitamente, semplicemente per dare una mano a chi come me sta cercando di passare questo esame. Da quanto ho capito non posso semplicemente pubblicare gli appunti su un sito, perchè sarebbe violazione di copyright.
    Poniamo però caso che io non carichi i file direttamente sul sito, ma piuttosto vi scriva “se volete i file contattatemi in privato”, in questo caso sarebbe ancora una violazione di copyright? Oppure non essendo più il trasferimento pubblico ma privato, sarebbe come se io semplicemente passassi gli appunti a un mio collega?

    • E’ ugualmente violazione di copyright. Proprio la tua affermazione (“senza le quali [immagini] gli appunti sono inutili”), indica chiaramente che quelle immagini sono essenziali, e quindi è giusto che chi le ha fatte riceva un compenso per il suo lavoro.
      Pubblicarle in rete è fuori questione, è un illecito penale e ti porterebbe molti guai (oltre ad essere moralmente ingiusto).
      Chiedere di contattarti in privato idem.
      La soluzione corretta per queste cose è affidarle ad una copisteria che pagherà alla SIAE i diritti per ogni copia venduta, e le copie devono essere per uso personale ovvero tu non devi ricavarne alcun compenso.

  127. Buongiorno.
    Ho bisogno di informazioni sui diritti musicali. Io faccio video su Facebook e youtube. Fin che riprendo concerti cover non ho problemi ma se ci sono dei dj la musica è coperta da copyright. Io sono in regola con i diritti ma non so come comunicarlo sua a Facebook che a youtube.
    Grazie.

    • In che senso non ci sono problemi con i concerti cover? I diritti vanno ai legittimi detentori, sia che si tratti di concerti che di Dj set: appena Youtube se ne accorge (e se ne accorge), i guadagni vengono dirottati verso i detentori dei diritti dei pezzi musicali.
      Anche se fai un tutorial con una musichetta di sottofondo, e hai investito un sacco nel fare video e tutorial, i guadagni pubblicitari del video andranno all’autore della musichetta di sottofondo (a meno che non troviate un accordo).

      • Il mio problema più che Youtube per ora è facebook. Mi ripeto: vorrei sapere che strada prendere per mettermi in regola con il copyright. Mi serve perché altrimenti non posso lavorare…

        • Devi contattare un avvocato: la questione è troppo delicata, e le implicazioni troppo rischiose per improvvisare o fare tentativi. Un avvocato è un servizio e una spesa inevitabile per chi vuol fare questo lavoro.

  128. Buongiorno a tutti,
    ho scritto una guida turistica relativa alla mia Regione e vorrei autopubblicarla in formato ebook da rendere disponibile per download a pagamenteo. Nella guida delineo un itinerario turistico molto dettagliato che prevede anche delle ipotesi di hotel in cui soggiornare e ristoranti da provare. Per ogni pubblico esercizio pensavo di mettere una piccola nota relativa al marchio registrato, ma mi chiedo se sia legale e corretto inserire questi dati (non cito i prezzi, ma l’indirizzo preciso e una descrizione del tipo di servizio offerto). Pensavo anche di mettere una nota che spieghi che segnalare alcuni hotel o ristoranti invece di altri non comporta alcun interesse personale per la sottoscritta: infatti mi chiedo se qualcuno potrebbe avere da ridire sul fatto che in una determinata città consiglio un solo hotel e due o tre ristoranti e ne faccio quindi “pubblicità”a scapito di altri…cosa ne pensate? Aggiungo che il mio ebook sarà in inglese e quinsi si rivolgerà ad utenti esteri…non so se questo cambi qualcosa in materia di privacy e copyright…Grazie mille in anticipo!

    • Non credo che ci siano problemi per i ristoratori, ben contenti di pubblicità gratuita. La cosa ideale però sarebbe che tu contattassi qualcuno che ha già scritto guide turistiche per sapere qual è la prassi.
      Ti daranno molti più problemi i lettori se si troveranno male, se la gestione sarà cambiata, etc 🙂

  129. Buongiorno
    vi sottopongo una domanda:
    è possibile pubblicare, su un libro, dei commenti (solo testo) a dei post di un gruppo “chiuso” di facebook? Vorrei pubblicare i testi (sono molto brevi) e il nome-utente di chi l’ha scritto.
    occorre una liberatoria del postante?
    Grazie

    • Se il gruppo è chiuso, i commenti sono visibili a tutti. Per pubblicarli su un libro però secondo me hai bisogno di una liberatoria. Se li vuoi citare, taggare, ripubblicare sul tuo profilo o sulla tua pagina Facebook non ci sono problemi, perché è lo stesso mezzo su cui sono stati diffusi, ma per pubblicarli al di fuori di Facebook io mi tutelerei.
      Se invece il gruppo è segreto non puoi pubblicarli da nessuna parte.

  130. Salve a tutti, io sto aprendo un blog di moda e vorrei capire se quando recensisco cosmetici o abiti comprati da me posso mettere la foto del capo acquistato (le immagini le trovo andando sul sito dell’azienda). Credo che la risposta sia no, ma il dubbio è: recensendoli e quindi facendogli pubblicità posso limitarmi a citare la fonte e rimandare al link del sito da cui ho comprato i prodotti?

    Grazie in anticipo

    • Di sicuro non puoi usare le foto che trovi nel sito dell’azienda senza autorizzazione. Se però fai tu le foto, come fanno tutte le fashion blogger, non ci dovrebbero essere problemi.

  131. Posso tagliare, accorciare, modificare un trailer di un film in uscita e pubblicarlo sul mio blog, su youtube, instagram o facebook?? Grazie per la risposta.

  132. Buongiorno,

    Volevo avere qualche chiarimento in relazione alla scelta del nome dominio per un blog. Se io dovessi usare termini generici, ad esempio il termine viaggi associato al nome di uno sport seguiti dall’estensione e dovesse esserci un’attività commerciale/società di cui non sono a conoscenza (poichè non ha un sito web online e quindi non risulta al momento della registrazione/acquisto di un dominio su un hosting) che ha lo stesso nome o un nome simile (ad esempio, con i due termini invertiti) potrebbe costituire un problema in termini di copyright ? Ad esempio nome dominio “viaggi nomesport.it” e nome attività commerciale/negozio/società “Nome sport e viaggi” sarebbe considerato come un marchio registrato e quindi dovrei cedere il dominio ?
    Ho anche un’altro dubbio relativamente ai post. Se in un post del mio blog, nel recensire un evento sportivo, inserisco una foto scattata da me all’interno di uno stadio, un complesso sportivo, un palazzetto dello sport oppure con uno sportivo famoso ciò costituisce un problema in termini di copyright ? Oppure, se recensisco un libro, hotel, ristorante, luogo turistico ed inserisco dettagli e foto scattate da me sul blog ?

    Grazie mille

  133. Salve Antonio, scrivo perché ho vissuto un’esperienza simile e vivo questa esperienza tutt’ora e per questo ho consultato anche più volte più avvocati…
    sappi che il problema si pone se l’estensione del dominio fosse .it, risolveresti tutto se invece acquistassi il .com
    se sei determinato ad acquistare il .it l’azienda già esistente che avesse il nome da te registrato come nome a dominio potrebbe intentarti causa, questo è certo, incerto sarebbe l’esito che ne deriverebbe a parere di un giudice che è libero di dare una sentenza, non arbitraria ovviamente, ma le sentenze non sono tante e a volte non ancora ispirate agli stessi identici principi, dunque la componente aleatoria esiste…

    Per quanto riguarda le immagini fatte nei pressi di impianti sportivi, non posso dire tanto, ma ho fatto delle ricerche nel tempo e ho scoperto che occorre stare molto attenti a non ritrarre atleti che eseguono degli sport, perché potrebbe esserci su quello spettacolo il diritto acquisito di una società che trasmette quelle immagini a pagamento, i diritti TV per intenderci, e potresti essere costretto a pagare l’utilizzo delle immagini, questo è tutto vero per i video di youtube, per il resto non ho le conoscenze adatte per dare una risposta più esauriente…

    Luca

    • Posso dire per certo che i problemi ci sono anche con i .com (anzi sono anche peggiori).
      Dipende da quanto è grande l’azienda e quanti avvocati ha: se provi a registrare un nome di dominio anche solo simile a quello detenuto da una multinazionale, anche se in buona fede, anche se parli di tutt’altro e non sapevi dell’esistenza del marchio registrato, ti arriva in breve una lettera “Cease and Desist” da uno studio di avvocati di New York tramite FedEx.
      Appena ricevuta la lettera hai due alternative:
      1) cedi immediatamente il dominio a titolo gratuito senza alcuna richiesta di indennizzo, altrimenti potrebbe essere usato come prova di malafede;
      2) inizi una battaglia legale che perderai sicuramente spendendoci un sacco di soldi.

  134. io non mi dilungherò, più di tanto, comunque facciamo dei tipo di esempi se’ tizio acquista un album in un negozio di musica e tiene lo scontrino, io credo che con tale acquisto, investe una piccola percentualità dei diritti di quel’album musicale e dovrebbe essere libero di pubblicare quelle canzoni di tale album abbia acquistato e lo scontrino è “una prova” ed una sorta di tassa, quindi può pubblicare un video con i sottofondo musicale di tale canzone(youtube) che non viola il copyright?! oppure deve inviare un fax con la copia dello scontrino alla SIAE?! e poi perchè mettere file musicali su internet se si vuole evitare la pirateria?!

    • Assolutamente NO!
      Quando compri un album compri il diritto di ascoltarlo in privato e un supporto fisico (o neanche quello se lo compri in download). Se quell’album lo metti in un locale, dovrai pagare i diritti d’autore, se lo usi ad una festa anche, se lo usi come sottofondo di un video idem. Lo scontrino testimonia esclusivamente che l’hai acquistato per uso privato. Le radio, le TV, le discoteche, pagano una grossa percentuale dei propri guadagni ai detentori dei diritti d’autore (ed è giusto così, dato che il loro business si basa sulle opere prodotte dagli autori).
      Quanto alla tua seconda affermazione: “e poi perché mettere file musicali su internet se si vuole evitare la pirateria?!” la risposta è semplice: si mettono per ascoltarli dalla fonte legittima nei modi previsti da chi li ha prodotti.
      La tua domanda è come dire: “Perché si danno i concerti, film al cinema, opere teatrali, se poi non posso registrarli e vendere le registrazioni?” – semplice: perché non è roba tua. Lo puoi fare, ma con l’autorizzazione degli autori e pagando loro quanto ti chiedono.

  135. Buongiorno a tutti!

    Inizio ringraziando chi gestisce questo sito per l’ottimo lavoro.

    Gestisco anche io alcuni siti e alcune pagine Facebook. Mi capita che qualche collega invidioso venga sulle mie pagine a commentare negativamente il mio operato.

    Ora vorrei realizzare un articolo in cui faccio un compendio delle falsità e delle accuse ricevute inserendo gli screenshot delle loro dichiarazioni pubblicate sulle mie pagine facebook (con privacy PUBBLICA – pagine visibili a tutti). Mi chiedevo se la pubblicazione sul mio sito di screenshot di post presi dalla mia bacheca facebook fosse consentito.

    Grazie e buona giornata! 🙂

    • Innanzitutto ti sconsiglio di farlo per un motivo di professionalità. Noi siamo sul web da più di 20 anni, e posso assicurarti che a nessuno dei tuoi lettori importa nulla di queste beghe. La soluzione giusta è bloccare i troll, cancellare i commenti diffamanti e non considerarli.
      Se proprio vuoi farlo (autoclassificandoti così come dilettante e non come professionista), tu puoi pubblicare screenshot di dichiarazioni pubbliche, loro possono dire che non è vero e nel frattempo metterle private e cancellarle, possono denunciarti, avete il 50% a testa di probabilità di vincere la causa, passerete molte ore di tempo tra avvocati e burocrazia, spenderete qualche migliaio di euro (se va bene), e tra un po’ di anni, quando nessuno ricorderà più niente di questa cosa, direte: “ah se avessi ascoltato il consiglio di Nestore e avessi lasciato perdere…” 😀
      Questo è solitamente il copione di storie simili che o già visto.
      Ti consiglio anche di leggere questi nostri articoli: Come difendersi dai troll e Come difendersi dal plagio e altri simili che abbiamo scritto sull’argomento.

  136. Domanda: con il mio telefonino ho registrato la mia voce mentre leggevo stralci di un romanzo. La registrazione dura 10 minuti ed è un riassunto del capitolo conclusivo del romanzo( ne sono quattro). Posso pubblicarlo sulla mia pagina facebook o non ne ho diritto(domanda)

    • Stai comunque facendo un’opera derivata da un’altra: sia per correttezza che per evitare problemi legali contatterei autore e casa editrice per avere autorizzazione scritta, e rispetterei la loro richiesta nel caso in cui non te lo permettessero. Un conto è una recensione, un conto è una registrazione di dieci minuti, in cui immagino dirai buona parte del contenuto dell’intero capitolo.

  137. Ciao,
    ma quindi sul mio blog non posso consigliare nessun libro che ho letto citandolo o mettendo la copertina giusto?E se volessi inserire foto di città non mie come faccio con il copyright? Grazie x le eventuali risposte

    • Puoi sicuramente recensirlo, e se metti l’immagine in dimensioni ridotte non ci sono problemi.
      Per le foto non tue (che siano di città o di qualunque altra cosa) devi avere la licenza di utilizzo per l’utilizzo che intendi farne, oppure devi utilizzare foto i cui autori permettano l’uso senza richiederne l’autorizzazione (alcuni tipi di Creative Common, immagini più vecchie di 70 anni, etc).

  138. È possibile fare un riassunto dell’ultimo capitolo di un romanzo ( capitolo esteso, visto che il romanzo ne contiene solo 4)arrivare ad un tot di pagine, leggere a d alta voce e registrare la propria voce, ottenerne un file audio per poi condividerlo su Facebook? Oppure no? Il riassunto di un romanzo è comunque coperto da ” diritto d’ autore”? Temo di sì ma gradirei da Lei una triste conferma. RINGRAZIANDOLA anticipatamente. Serena.

  139. Ciao, cosa ne pensate invece degli aggregatori automatici di annunci? Tipicamente inseriscono copia del titolo, una parte della descrizione ed una thumbnail, citando e linkando la fonte.
    Un po’ come i motori di ricerca ma verticali su una tipologia. Marco

    • Se sono fatti bene io li trovo interessanti. Ne seguo parecchi su argomenti che mi interessano: WordPress, sicurezza informatica, news tecnologiche. Sono però difficili da monetizzare, solitamente sono realizzati da appassionati senza finalità di guadagno.

  140. Domanda rapida. Posso fare video tutorial sull’uso di un software e monetizzare le visite su Youtube? Naturalmente il contenuto e i dialoghi sono miei personali e non ci sono immagini ma solo io che descrivo l’utilizzo. Grazie.

    • Fare tutorial online è permesso, guadagnarci facendoli anche.
      Il problema potrebbe essere eventuale copyright sul software di cui vuoi fare il tutorial: se è un software commerciale io contatterei chi lo ha fatto, perchè potrebbero esserci limitazioni sulla diffusione di schermate.
      Leggi attentamente la EULA, e contatta direttamente le case produttrici per esserne certo.

  141. Buonasera,
    Questo articolo è molto chiaro, ma mi restano dei dubbi, non sono riuscita a leggere tutti i commenti per cui spero di non ripetere domande già poste…
    -nel caso io volessi recensire un libro o un prodotto è necessario chiedere il permesso allo scrittore o al produttore? Non parlo della pubblicazione della foto della copertina, ma proprio della recensione stessa
    -se volessi riproporre i passaggi per realizzare qualcosa che ho visto su altri blog o you tube,ma scrivendo io la descrizione dei passaggi e facendo io le foto, è bene chiedere il permesso alla fonte o comunque citarla?
    Queste domande nascono dal fatto che su You tube o sui vari blog vedo moltissimi tutorial sullo stesso argomento,ma nessuno cita mai qualche fonte… vorrei capire quale sia la cosa migliore da fare..
    Grazie

    • La recensione è sempre possibile, rientra nel diritto di citazione: https://it.wikipedia.org/wiki/Diritto_di_citazione
      Per quanto riguarda la realizzazione di cose già viste su altri blog, se viene fatta con mezzi propri e foto e descrizioni proprie, legalmente non è necessario citare al fonte, a meno che il procedimento non sia brevettato (nel qual caso non basta citare, ma bisogna avere autorizzazione esplicita). Dal punto di vista diplomatico e di correttezza, è bene citare. Se si tratta di qualcosa di universale, è inutile citare: ormai quasi tutto è stato fatto da qualcun altro 🙂 Bisogna però cercare di non ricadere nel plagio (esempio copiare totalmente la struttura di un corso online o di un tutorial).

  142. Ho una domanda. Vorrei aprire un sito (che prevede un guadagno mio,attraverso donazioni dei visitatori) , inn cui però devono essere presenti i loghi dei vari club di calcio,basket,ecc (Sport in generale). Come faccio per aprire codesto sito senza rischiare ritorsioni per illecito? Non posso mica contattare i migliaia di club per ottenere un autorizzazione all’immagine ( ed eventualmente link al sito ufficiale)…

  143. Buonasera, io vorrei svolgere la mia tesi di laurea triennale su un film (si tratta di un film degli anni 60) in particolare analizzarlo linguisticamente ma parlando anche della trama e di vari aspetti del film, e eventualmente, utilizzare anche alcune immagini e frammenti di video. Posso farlo, oppure incorrerei in qualche violazione?

    • Se non hai fini di lucro secondo me rientri nel diritto di citazione per critica o motivi di studio. Come ho citato nell’articolo:

      “L’art. 70, Legge 22 aprile 1941 n. 633 (recante norme sulla Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio) dispone che il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti d’opera, per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento, sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purché non costituiscono concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera.

      Con il decreto legislativo n. 68 del 9 aprile 2003 è stata introdotta l’espressione di comunicazione al pubblico, per cui il diritto è esercitabile anche sul web.”

      • Ok grazie, mi ha tolto un grande dubbio. Alla fine pensavo, per andare più sul sicuro, di non utilizzare foto o video che comunque non sono essenziali per la tesi. Avevo il terrore che mi potessero annullare la tesi per questioni di diritti. Grazie ancora!

  144. Buongiorno,

    volevo chiedere se è possibile pubblicare le soluzioni di un gioco mobile in un sito internet.
    Ci sono delle leggi che regolano questo?

    Grazie.

  145. Buongiorno, complimenti per il lavoro che state facendo con questo sito. Cerco di spiegare il mio problema per gradi:
    1. Sto aprendo un sito personale, una specie di vetrina delle varie cose che ho scritto e pubblicato altrove per vari anni
    2. Vorrei (ri) pubblicare nel mio sito ARTICOLI SCRITTI DA me, ma pubblicati (sia in cartaceo, sia in digitale) da un altro editore con il quale mi legava un contratto di lavoro a tempo indeterminato (insomma, un lavoro fisso, roba da rimanerci fino alla pensione).
    3. Nel contratto di lavoro con l’editore presso i quale lavoravo i termini del copyright non erano specificato; tuttavia, il buon senso mi dice che se per quegli articoli percepivo uno stipendio, il copyright appartenga all’editore, non a me.
    4.Nelle condizioni d’uso del sito dell’editore in parola leggo:
    – I contenuti e i servizi di questo sito sono destinati a un utilizzo personale e non professionale. Tutti i materiali pubblicati nel sito (notizie, fotografie, immagini, illustrazioni, vignette, contenuti audio, video e multimediali, banche dati e altro), sia quelli prodotti direttamente dall’Editore, sia quelli forniti da altre agenzie o siti, sono protetti dalle leggi sul diritto d’autore e sono di proprietà dell’Editore o di chi legittimamente disponga dei diritti relativi.
    – I servizi del sito e i suoi contenuti sono protetti dalle norme internazionali sul diritto d’autore. Il lettore non è autorizzato a modificare, pubblicare, trasmettere, condividere, cedere in uso a qualsiasi titolo, distribuire, riprodurre, dare accesso o sfruttare commercialmente in qualsiasi modo i contenuti o i servizi di questo sito, anche solo parzialmente.
    – L’utente, solo per uso personale, è autorizzato a stampare, scaricare, copiare i contenuti e ogni altro materiale scaricabile reperibile attraverso i servizi del sito a condizione che, facendone uso non commerciale, riporti fedelmente tutte le indicazioni di copyright e le altre indicazioni riportate nel sito.
    – L’utente è autorizzato a condividere i contenuti del sito sulle reti sociali esclusivamente tramite collegamento link

    Immagino che tanto valga anche per i miei articoli pubblicati, sempre dall’editore, su cartaceo o rimossi dal web
    5. Considerato che io vorrei riprodurre integralmente i miei articoli e le immagini delle copertine di vari libri che ho curato sempre per lo stesso editore, credo che pubblicarli citando la fonte e il luogo della prima pubblicazione possa non bastare.

    Mi piacerebbe sentirmi dire che sto sbagliando. Ma nel caso avesse ragione, sapete dirmi in base a quali parametri l’editore puo’ fissare il prezzo per la cessione dei diritti? Grazie

    • Purtroppo non ti stai sbagliando: qualunque lavoro creato mentre sei dipendente di un’azienda è di proprietà dell’azienda, a meno di non avere contratti diversi. Questo vale per software, articoli, etc.
      Secondo me però la pubblicazione da parte tua potrebbe essere anche un buon veicolo pubblicitario per l’editore, quindi se vi parlate potreste trovare un accordo.
      Per il prezzo non esistono regole, se non quelle di mercato.
      Se gli articoli sono online su siti dell’editore, è difficile che ti conceda il diritto, perchè la duplicazione di contenuti non è una cosa buona (anche se quello penalizzato saresti tu, che pubblichi per secondo). Se sono su carta invece potrebbe essere una buona pubblicità e potrebbe accettare.
      Non pubblicare però prima di avere autorizzazione scritta e cessione d’uso: sarebbe suo diritto denunciarti, e vincerebbe sicuramente la causa.
      (Come sempre metto il disclaimer che non sono un avvocato e parlo per esperienza personale, sono benvenuti commenti e discussioni).

  146. Ciao Nestore,
    voglio essere sicura di fare tutto secondo le regole. Voglio aprire un blog di traduzione e per i testi (di cui ho l’autorizzazione a tradurre e pubblicare degli autori) pensavo di mettere “Tutti i diritti riservati”, anche sulla mia traduzione. Basta questo o c’è da fare altro?
    Inoltre, se dovessi usare immagini dal web basta citare sempre l’autore se conosciuto o il link dell’immagine, giusto? Grazie in anticipo.

    • Per i testi da tradurre devi avere l’autorizzazione da chi ne gestisce i diritti, che potrebbe anche non essere l’autore (se per esempio l’autore scrive per una casa editrice o un giornale o una testata online, dovrai ottenerla da loro).
      Per le immagini non basta citare autore e link, devi avere licenza di utilizzo. Se non riesci a reperire chi ne detiene i diritti, o se le immagini non sono rilasciate esplicitamente con licenze che te ne permettono l’utilizzo, è saggio non pubblicarle perchè potrebbero richiederti pagamento di diritti o denunciarti per violazione di copyright.

  147. Salve ho una domanda che riguarda facebook e non trovo una risposta
    Ho un profilo Facebook insieme alla mia compagna da molti anni. Ora che lei e il suo ex marito stanno divorziando lui per cercare di ridurre gli alimenti ha prodotto agli atti in forma cartacea prova di un nostro presunto benessere delle foto che ritraggono noi e i nostri figli e amici in vacanza che si è scaricato dal nostro profilo anche se lui non è tra i nostri amici Facebook. Sono molto arrabbiato per voi ha commesso ilecito ai fini legali. grazie

    • C’entra poco con l’argomento del post, però è una situazione curiosa quindi l’ho approvato.
      Se ha ottenuto le foto vuol dire che erano pubbliche, o che comunque aveva la possibilità di accedervi.
      L’illecito c’è se le foto sono false: se siete in condizioni di avere un buon tenore di vita, non vedo per quale motivo un ex marito debba mantenere una ex moglie, che ha tra l’altro un nuovo compagno e si è fatta una nuova vita. Ma queste sono considerazioni morali e non legali.
      Dal punto di vista legale gli alimenti servono a garantire ai figli dell’ex coniuge un tenore di vita comparabile a quello precedente: se si dimostra che questo tenore ce l’hanno già, mi sembra ovvio che non spettino. Anzi, se si scopre che avete mentito sulla vostra situazione economica al fine di avere un maggiore assegno dall’ex marito, i problemi li avrete voi.

  148. Vorrei creare un canale sul fantacalcio. Quali sono i pro e i contro? C’è qualche specifica normativa?Ad esempio posso prendere le informazione date da gazzetta o sportmediaset per poi riportarle nel mio canale?

  149. Salve
    Complimenti e grazie per i chiarimenti dei dubbi sul copyright. Dunque, se ho ben capito, e’ possibile pubblicare sul proprio sito piccoli estratti di libri, attribuendo la fonte (in questo caso autore, casa editrice ed eventuali traduttori), esatto? C’e’ un limite massimo in % sul totale dell’opera o si va a buon senso?
    E per quanto riguarda le mappe geografiche? Se possiedo mappe, o un atlante geografico cartaceo, e desidero mettere sul mio sito la scansione di una porzione di mappa, posso sempre farlo citando comunque la fonte?
    Grazie

  150. Ciao Nestore, intanto complimenti per il blog e la cura delle risposte!
    io vorrei capire se voglio comporre delle opere fatte di pezzi di opere di altri non ricado nell’art. 3 della legge 633?
    Le mie opere sono collage di video (utilizzando oltre ai miei video altre sequenze prese da youtbe, anche pubblicità) o collage di foto prese da riviste.
    Grazie

    • Dipende dal fine della tua opera. In ogni caso il fatto che l’opera collettiva sia protetta come opera originale, non significa che chi la realizza non debba riconoscere royalties alle parti di opere che ha utilizzato.
      Quindi per fare un esempio: fai un documentario sul cinema e usi spezzoni di tre film. La tua è un’opera originale protetta dal copyright, ma tu devi essere autorizzato dagli autori dei film che utilizzi, e devi pagare royalties per ciò che hai utilizzato.

  151. Salve e grazie in anticipo per l’eventuale risposta,
    è possibile aprire un blog o una pagina facebook per riportare integralmente (con possibilità di tradurli in altre lingue), foto incluse, articoli di riviste degli anni 20-30, per solo scopo divulgativo e di discussione, senza alcuno scopo di lucro ?

    • La durata massima del copyright è di 70 anni dalla prima pubblicazione dell’originale, quindi se sono riviste degli anni ’20 e ’30 puoi farlo, e anche a fini di lucro, perchè il copyright è scaduto.

  152. Buongiorno e grazie del lavoro che svolgete.
    Curo un sito che offre corsi di formazione gratuiti e a pagamento. Mi chiedevo se si poteva inserire su questo sito la possibilità fare il dowload di libri, scaricati gratuitamente da altri portali.
    Chiaramente sul mio sito il download sarebbe gratuito e non richiederebbe neanche una registrazione.
    Si può fare tranquillamente o devo fare qualche tipo di richiesta? Grazie

    Max

  153. Buongiorno, avrei bisogno di un’informazione, vorrei pubblicare dei video su youtube con l’esecuzione di disegni a mano, disegni di cartoni animati, immagini di fiori o paesaggi traendo anche ispirazione da foto che vedo su internet o ricopiandole, magari l’immagine di un fiore o di un cartone animato che si trova su Google immagini e che vorrei riproporre, ma non intendo pubblicare la foto d’origine, solo il video dell’esecuzione, vorrei sapere se violo dei diritti di copyright. Grazie

  154. Ciao, non riesco a capire diversi aspetti della questione.
    Ho da poco aperto un blog, dunque non sono esperta in materia.
    In genere tutto ciò che scrivo viene da me e di conseguenza non mi devo preoccupare di subire sanzioni o altro.
    La mia domanda è, se al mio scritto volessi aggiungere delle foto prese da Google o che magari avevo già scaricato, ma di cui non ricordo la fonte, come devo comportarmi?
    In secondo piano, c’è il fattore citazione o dati biografici, nel momento in cui voglia usare una di queste è sufficiente inserirne la fonte a fine articolo?
    Grazie.

    • Ciao Clara. Non puoi inserire foto se non ne detieni il copyright o se non ne hai autorizzazione. Se hai delle foto salvate e non ne sai l’origine, quindi, non puoi pubblicarle. Non è sufficiente inserire i riferimenti o la fonte: se chi ne detiene il copyright vuole un compenso, devi riconoscere tale compenso. Se per qualunque motivo chi ne detiene il copyright non vuole che tu le usi, non puoi usarle.
      In nessun caso puoi pubblicare foto senza l’autorizzazione di chi le ha fatte.
      Il fatto che sia sufficiente citare l’autore per essere a posto con la legge è una leggenda che circola sul web, ma non corrisponde a verità.

  155. ciao, ho letto con interesse questo articolo perchè ho un blog di ricette (dolci fondamentalmente) e proprio oggi ho ricevuto un commento a tale riguardo:
    “Ciao, una perplessità.. ma le ricette dei libri non sono protette dai diritti d’autore?! Non credo sia comsentito pubblicarle”
    http://eleideediele.blogspot.co.uk/2016/03/pina-corona-gfusto-crostata-alle.html?showComment=1491527411905#c119700654839658154.
    DEsidero rispondere in maniera corretta.
    Io mi sento assolutamente tranquilla in quanto se prendo ricette da altri blog o da libri di pasticceri: non è mai copia/incolla, descrivo come ho proceduto io, le foto sono tutte mie, cito sempre in maniera precisa la fonte (link al blog o titolo e autore del libro), non ci guadagno nulla. Inoltre, penso che questa mia sia pure una forma di pubblicità gratuita!
    Quindi mi sento eticamente a posto. Da un punto di vista legislativo, credo anche… (mi pare di capire dal tuo post)…
    che mi dici? grazie!

    • Se ti ispiri a quella ricetta, e la rifai con foto tue, descrizione tua, non ci dovrebbero essere problemi, tranne in quei rari casi (ci sono), di ricette brevettate, più che altro per cuochi famosi.
      La giustificazione che dai tu però è sbagliata:
      – il fatto di citare la fonte;
      – il fatto che non sia a fine di lucro;
      – il fatto che tu ritieni che si tratti di una pubblicità gratuita;
      Non sono motivi validi per permetterti di utilizzare materiale protetto da copyright.
      Se tu lo facessi per foto, opere letterarie, e qualunque altro materiale protetto da copyright, saresti comunque in torto. Ma una ricetta di per sè non è protetta da copyright: un articolo semplice e completo che spiega perchè una ricetta nella stragrande maggioranza dei casi non può essere protetta da copyright è questo: Come si proteggono le ricette.
      Ovviamente non fare un copia e incolla di ingredienti e modalità di preparazione, perché in quel caso violeresti il copyright del libro su cui è pubblicata la ricetta 🙂

  156. Buongiorno e grazie per le informazioni che rendete sul presente blog.
    Ho una perplessita al riguardo l’utilizzo di un testo digitalizzato da goolge, le mie domande sono la seguenti:
    Se trascrivo materialmente (al fine della successiva vendita) un testo che è di pubblico dominio, per esempio un testo del 1800, di cui possiedo una copia cartacea e che google lo ha digitalizzato commetto qualche illecito?

    • Sicuramente non commetti alcun illecito se utilizzi un testo che è stato scritto più di 70 anni fa: dopo quella data infatti diventa di pubblico dominio e chiunque può utilizzarlo, anche a fini di lucro.
      Se pubblichi le scannerizzazioni fatte da Google potrebbero esserci problemi, perchè in quel caso staresti pubblicando una foto fatta da un altro. Ma se lo trascrivi non c’è alcun problema.

  157. salve volevo sapere se posso utilizzare le famose 5 note di incontri ravvicinati del terzo tipo per fare un mio pezzo basato su quelle 5 note con la tastiera, registrare un mp3 e postare il video sui social. Volevo anche inserire nell’mp3 alcuni rumori e voci del film

  158. Buongiorno
    complimenti per il vostro lavoro e per la pazienza nel rispondere a così tante domande!
    Circa il periodo di validità del copyright, mi pare di avere capito che si tratta di 70 anni.
    Io vorrei vendere fotografie (in download) scattate ed elaborate da me, con un’aggiunta sovrapposta di versi di poesie o citazioni di prosa che abbiano attinenza con l’immagine.
    E’ dunque possibile inserire queste parole a patto che siano state pubblicate da più di 70 anni? Quindi se cito, per es., Federico Garcìa Lorca o Catullo, non faccio illeciti?
    Grazie mille per la risposta che spero mi potrete dare!

  159. Buonasera, non ho idea di cosa cercare su internet per chiarirmi un dubbio e chiedo scusa se è già stato chiesto nei migliaia di commenti.
    Secondo voi è perseguibile legalmente pubblicare i prezzi di una palestra su un proprio blog/sito?
    Cioè, non essendo ferrato in materia, mi verrebbe da pensare che essendo i volantini fisici con i prezzi usufruibili a tutti (nel senso che si può entrare gratuitamente in palestra, prendere un volantino/farsi spiegare i prezzi e uscire), di cosa si potrebbe essere denunciati nel caso sopra? (Stesso discorso mi verrebbe da farlo con i menù dei ristoranti per esempio).
    Grazie mille e scusate il disturbo.

  160. vorrei sapere se su un un canale you tube e ad esempio voglio parlare di questa azienda, di quella marca, di quel particolare oggetto ecc… per esporre un elogio, una critica o semplicemente l’esperienza, incorro in sanzioni? cioè posso citare il materiale a cui faccio riferimento, specificare di che sto parlando, oppure devo parlare senza nominare l’oggetto? Grazie

  161. Salve,
    ho una serie di dubbi che mi piacerebbe ricevino una risposta.
    Ho un sito web di informazione sulla mia città, nel quale pubblico le varie notizie che leggo di qua e di là online.
    E’ lecito pubblicare articoli presenti su altri siti web con… titolo, foto, data e contenuto (non tutto ma 200-400 caratteri) citando la fonte, e rimandando l’utente a leggere l’intero articolo alla fonte tramite un link?
    Conosco un sito: http://it.geosnews.com/ che non è altro che un aggregatore di notizie locali.
    Ebbene io vorrei fare una cosa del genere.
    Bisogna contattare prima i rispettivi siti chiedendo il permesso oppure no?

    Grazie! 😉

  162. Salve, intanto mi complimento con Lei per il suo articolo.
    Volevo porle un mio dubbio. Cosa rischio a creare shortlink con guadagno e non , linkando siti di proprieta altrui?

  163. Puó TripAdvidor inserirmi senza autorizzazione e non cancellare la mia attività nonostante ripetute richieste?
    Preciso che sul mio sito vieto l’ inserimento in portali o comunity senza il mio consenso.
    So che potrebbero linkare, ma possono costruire una pagina della mia attività come se fosse di loro proprietà?

  164. Ciao,
    ho aperto un sito di informazione e cultura. Vorrei inserire in home page il link di due agenzie di stampa nazionale per temi internazionali. Posso farlo senza incorrere in problemi legali e soprattutto senza pagare licenze o abbonamenti? In particolare, posso inserire due o tre link che indirizzano direttamente alle pagine interne delle agenzie di stampa?
    Grazie per la consulenza.

    • I link testuali si possono sempre mettere senza richiedere alcun permesso. Se il link è un’immagine anziché un testo, bisognerà avere l’autorizzazione del detentore del copyright.

  165. Buonasera,
    mi scuso se la domanda è già stata fatta e non l’ho letta.
    Si possono pubblicare in un blog foto di interni di locali principalmente riguardanti il settore della ristorazione ed eventualmente recensirli? E per quanto riguarda l’esterno e le insegne?
    Premetto che non sono troppo esperta di blog ma avrei un progetto in mente.

  166. Buongiorno,
    Vorrei realizzare un blog che parla di musica: quali sono le immagini degli artisti che posso -utilizzare?
    – Posso utilizzare le immagini delle cover dei loro album (eventualmente indicando la fonte)?
    – Posso utilizzare foto pubblicate sui loro profili social pubblici (sempre con la fonte)?

  167. Buongiorno, se io copio a mano libera un disegno trovato in internet (in termini di linee generali) e poi coloro e lo finisco in maniera autonoma, posso poi usare il disegno fatto da me in un ebook che intendo pubblicare?

    grazie mille

    • Ovviamente no.
      Dato che tu non avresti potuto fare il libro senza quel disegno originale, se l’autore se ne accorge potrà chiederti parte dei guadagni (o tutti).
      Le cose giuste da fare in questi casi sono due:
      1) Fai i disegni tu senza copiarli da nessuno;
      2) Contatti l’autore dei disegni che intendi pubblicare e vi accordate.

  168. Buongiorno, sarei interessata a sapere se anche i testi riportati nei post di una Pagina Facebook sono soggetti a proprietà intellettuale.
    Infatti più e più persone a cui chiedo gentilmente di condividere mi rispondono che c’è libertà di uso senza specificare l’origine. Grazie!

    • Il fatto che siano soggetti a proprietà intellettuale non significa che tu non li possa condividere. Facebook è un social network ed è possibile scegliere dei livelli di protezione: se un post è pubblico, può essere condiviso (all’interno della piattaforma Facebook) o linkato.
      Non significa che puoi farne ciò che vuoi: non puoi stamparlo e venderlo, non puoi utilizzarlo al di fuori, etc etc, ovvero la proprietà rimane sempre di chi l’ha scritto.

  169. E se si volesse utilizzare il titolo di un libro abbastanza famoso degli anni 70, americano, come nome per un sito web? Sapreste indicarmi dove cercare info al riguardo? Grazie.

  170. Scusate, ho un sito dove inserisco i testi di varie canzoni italiane e straniere (avendo una collezione cartacea). Posso farlo tranquillamente oppure è vietato inserirle? Specifico il sito non utilizza foto dei cantanti e neppure brani da ascoltare, ma soltanto un database con i testi.
    Grazie.

  171. Salve, da molti anni seguo attraverso YouTube un predicatore, mi piacerebbe scrivere un libro riportando fedelmente le sue esternazioni (riportando i minuto di riferimento ai video) delle conferenze pubbliche che sono pubblicate, ho necessità di una sua autorizzazione.
    Grazie

  172. Ciao, approfitto della tua preparazione, secondo te è possibile pubblicare un elenco di aziende facenti parte di una categoria …sul proprio sito senza consenso delle aziende stesse? Non menziono dati personali, ma solo dati aziendali.
    Nome azienda + indirizzo azienda + numero telefonico
    Esempio: Ditta AAAAA , Via Pippo 100 Milano Tel 02.1234567
    è legale ?
    Grazie

  173. Buongiorno! E se io volessi creare la mia società dandole quale intestazione il titolo di un brano famoso? Tipo “Gli spari sopra” (Vasco)? Dovrei pagare un compenso SIAE o chiedere loro il permesso? Grazie mille per l’aiuto,
    Gemma

Lascia un commento