Checklist per pubblicare un post

Che cosa distingue i professionisti dagli hobbisti? sicuramente molte cose, ma secondo me la differenza fondamentale è una: i professionisti hanno delle procedure, gli hobbisti no. Quindi se vogliamo diventare professionisti, dobbiamo adottare delle procedure.

Le procedure non sono altro che sequenze di attività che possano essere ripetute senza commettere errori. A me piace scriverle: ho sempre fatto lavori che richiedono l’utilizzo del cervello per ragionare più che per memorizzare,  e non riesco proprio a sprecare neuroni per ricordare liste di cose :-). Molto più semplice scriverle, così nel tempo si possono migliorare, correggere, aggiustare, sino ad avere una sequenza precisa.

La sequenza di attività per pubblicare un post corretto non è banale:  Barbara preferisce tenerla a mente che scriverla. Io che sono pigro e smemorato  ho scritto una checklist e sono sicuro che tornerà utile anche a molti di voi.

Ecco la mia checklist attuale:

Continua a leggereChecklist per pubblicare un post

I punti cardine per aumentare le visite di un blog

content-is-the-king

Molti autorevolissimi blog centrati sulle tematiche SEO (search engine optimization), che anche io personalmente leggo con piacere, partono dall’assunto che l’ottimizzazione per i motori di ricerca sia indispensabile per un blogger, e vada fatta in modo professionale.

Sono d’accordo: alcuni elementi di SEO sono fondamentali (e li vedremo…) e vanno studiati con passione e con rigore, oserei dire. Concetti (che poi approfondiremo), come title, alt, description e keyword. Ad esempio.

Tuttavia, secondo il mio personale parere, il SEO è solo l’involucro attraverso cui viene presentato il contenuto.
Content is the King.

Continua a leggereI punti cardine per aumentare le visite di un blog

Posso commentare il tuo blog?

come commentare i blog

Lettrice compulsiva di feed all’appello (non preoccupatevi, poi parliamo anche di feed, è una promessa). Compulsiva significa che mi vanto di leggere qualche migliaio di blog al giorno, attraverso i feed, e poi cerco di: commentare a proposito quando mi sento veramente attratta dalla conversazione e linkare sulla mia homepage gli articoli che magari non ho il tempo di commentare, ma ritengo meritevoli di essere condivisi.

Perché lo faccio? Perché il blog è la mia passione, il mio amore profondo, la mia fucina delle idee. Leggere gli altri blog fa parte del mio lavoro, ma rappresenta anche una fonte di gioia, di felicità. Mi piace. E’ uno di quei tipici lavori che mi sento fortunata a dovere e volere fare.

In tutto questo, ovviamente, c’è un risvolto problematico: il tempo. La lettura dei feed, che – come ho detto – considero parte del mio lavoro, occupa tanto del mio tempo. Quindi io leggo, a volte scorro velocemente gli articoli che in quel momento mi interessano un po’ meno, apro i blog, commento, ricerco… e a volte incontro dei problemi.
Uno fra tutti: la possibilità di commentare velocemente.

Molti blog hanno una serie di protezioni per la gestione dei commenti: login richiesto, inserimento del codice captcha (che spesse volte risulta illeggibile e va dunque ricaricato), moderazione del commento.
Questo significa che bisogna essere veramente, ma veramente motivati, per lasciare un commento, quando è necessario autenticarsi (su blogspot, a differenza ad esempio di wp self hosted, bisogna riloggarsi tutte le volte) e anche indovinare la parola antispam.
Certe volte, lo ammetto, io desisto. Mi scoraggio. Certe volte avrei qualcosa da dire, o un apprezzamento da fare, ma mi tiro indietro e chiudo la scheda del browser, perchè il tempo occorrente a lasciare un commento non è proporzionale alla serietà del mio commento. Per dire: che bello, ti faccio i miei complimenti!… ci può volere davvero più di un minuto del mio tempo?

Continua a leggerePosso commentare il tuo blog?